La televisione svizzera per l’Italia

La Svizzera introduce sanzioni nei confronti dell’Iran

manifestante con cartelli anti iran
Teheran ha fornito droni alla Russia per la guerra in Ucraina. Keystone / Sergey Dolzhenko

La Svizzera ha deciso di adottare le nuove sanzioni dell’Unione europea contro l’Iran a causa del sostegno di Teheran verso la Russia nel quadro della guerra in Ucraina.

L’Iran ha sostenuto la Russia nel suo ruolo nella guerra in Ucraina, fornendo a Mosca dei droni militari e per questo motivo la Svizzera ha deciso di adottare nei confronti di Teheran (che nega di essere dietro alle forniture) le nuove sanzioni decise dall’Unione europea.

L’ordinanza sulle misure da prendere in relazione al conflitto ucraino è stata adeguata a seguito di una decisione del Dipartimento federale dell’economia (DEFR). L’elenco aggiornato dei sanzionati è entrata in vigore martedì alle 18, ha fatto sapere la Segreteria di Stato dell’economia (SECO).

I colpiti sono un’azienda e tre alti ufficiali militari, accusati di essere coinvolti nello sviluppo e nella consegna di droni da combattimento Shahed 136 alle truppe di Mosca. La società Shahed Aviation Industries, un’affiliata alle forze aeree del Corpo delle guardie della rivoluzione islamica, il noto organo militare iraniano, è responsabile, secondo la SECO, della progettazione e dello sviluppo di una serie di droni forniti ai russi e utilizzati in Ucraina. Gli individui interessati sono invece il maggior generale Mohammad Hossein Bagheri, capo di Stato maggiore delle forze armate di Teheran, il generale Sayed Hojatollah Qureishi e il generale di brigata Saeed Aghajani.

Bagheri occupa attualmente la più alta carica militare in Iran, mentre Aghajani, in quanto comandante della sezione droni dei Guardiani della rivoluzione, supervisiona la consegna di tali aeromobili a pilotaggio remoto agli alleati internazionali. Dal canto suo, Qureishi è il responsabile della divisione in seno al ministero della difesa che negozia l’accordo di fornitura con la Russia. A loro è vietato ormai l’ingresso in Svizzera, dove non potranno nemmeno più fare affari e tutti i beni che possiedono nella Confederazione saranno congelati.

Che la Confederazione si allinei alle sanzioni adottate dall’UE non è una novità e capita più spesso di quanto in realtà possa sembrare. La Svizzera, infatti, spesso segue le decisioni in questo senso prese sia dall’ONU che dall’UE. Attualmente, per esempio, seguendo le Nazioni Unite, Berna ha introdotto sanzioni nei confronti di Iraq, Sudan, Corea del nord, Libano, Somalia, Repubblica Centrafricana, Yemen e Mali. Allineandosi a Bruxelles ha preso le stesse misure nei confronti di Myanmar, Zimbabwe, Bielorussia, Russia, Burundi, Guinea, Siria, Venezuela e Nicaragua. ONU e UE hanno inoltre introdotto, di comune accordo, sanzioni nei confronti di Iran, Repubblica democratica del Congo, Guinea-Bissau, Sud Sudan e Libia, alle quali si è unita anche la Svizzera. Da notare che l’unico Paese per il quale Berna non ha seguito Bruxelles è la Turchia e che per quanto riguarda il Burundi e l’Iran, Berna ha adottato solo una parte delle misure.

Attualità

La droga sequestrata dalla polizia di Berna.

Altri sviluppi

Maxi sequestro di droga a Berna

Questo contenuto è stato pubblicato al Durante retate svolte questa settimana nei cantoni di Berna e Friburgo le forze dell'ordine hanno sequestrato circa una tonnellata di hashish e marijuana e arrestato diverse persone. Le indagini sono ancora in corso.

Di più Maxi sequestro di droga a Berna
Passeggeri in attesa all'aeroporto.

Altri sviluppi

Tilt informatico, problemi anche in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Colpito soprattutto il traffico aereo a Zurigo-Kloten e il settore energetico, risparmiate invece le banche e la Borsa.

Di più Tilt informatico, problemi anche in Svizzera
Nemo all'ultima edizione dell'Eurovision Song Contest.

Altri sviluppi

L’Eurovision a Ginevra o Basilea

Questo contenuto è stato pubblicato al Scartate le candidature di Zurigo e Berna/Bienne. La sede della prossima edizione della seguitissima manifestazione canora continentale sarà decisa il prossimo mese.

Di più L’Eurovision a Ginevra o Basilea
Militari impegnati a Cevio (Valle Maggia)

Altri sviluppi

Maltempo, prorogato l’intervento dell’esercito in Ticino

Questo contenuto è stato pubblicato al L’Esercito prolunga fino al 28 luglio l’impiego di aiuto militare in caso di catastrofe in Ticino per poter concludere la costruzione del ponte a Cevio e ripristinare le strade di Val Bavona e Lavizzara.

Di più Maltempo, prorogato l’intervento dell’esercito in Ticino
Abbé Pierre

Altri sviluppi

Accuse di abusi sessuali contro l’Abbé Pierre

Questo contenuto è stato pubblicato al Sette donne, tra cui una minorenne ai tempi dei fatti contestati, sostengono di aver subito molestie sessuali, per lungo tempo, da parte del celebre presbitero francese.

Di più Accuse di abusi sessuali contro l’Abbé Pierre
Joe Biden

Altri sviluppi

Biden ha il Covid

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha contratto l'infezione ma assicura di sentirsi bene. La notizia rischia però di far aumentare la pressione per un suo possibile ritiro dalla corsa elettorale

Di più Biden ha il Covid
La presidente Viola Amherd (a destra) con alcuni partecipanti al vertice della Comunità politica europea.

Altri sviluppi

Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

Questo contenuto è stato pubblicato al Si è aperto oggi al Blenheim Palace di Woodstock, comune del sud dell'Inghilterra nei pressi di Oxford, il quarto vertice della Comunità politica europea (CPE).

Di più Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR