Navigation

La Svizzera sospende i visti agevolati ai cittadini russi

Sospeso l'accordo concluso nel 2009 che permetteva di semplificare la procedura per l'ottenimento del visto per determinate categorie di persone, oltre a ridurre o abrogare gli emolumenti. © Keystone / Gaetan Bally

Seguendo la decisione dell'Unione europea, anche la Confederarzione ha deciso venerdì di sospendere completamente l'accordo di facilitazione del rilascio di visti stipulato con la Russia. Questo non significa che sarà bloccato il rilascio di visti ai cittadini russi, ma soltanto che per questi ultimi la procedura torna a essere retta dalle regole ordinarie del Codice dei visti, precisa un comunicato odierno.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 settembre 2022 - 21:00
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

I cittadini russi dunque non godranno più di facilitazioni per ottenere i visti di entrata in Svizzera. Il govevrno federale ha pure sospeso provvisoriamente la trasmissione di informazioni fiscali alla Federazione Russa.

Il Consiglio federale, allineandosi su una decisione dell'UE, ha deciso di sospendere completamente l'accordo di facilitazione del rilascio di visti stipulato con la Russia. Già in primavera la Svizzera aveva abrogato le agevolazioni in materia di visti per determinate categorie di persone, come gli uomini d'affari russi, e l'esenzione dall'obbligo del visto per i diplomatici russi. Anche in quel caso il Consiglio federale si era allineato a una decisione dell'UE.

Contenuto esterno

Ora il governo ha fatto un passo supplementare sospendendo completamente l'accordo. "È nell'interesse della Svizzera contribuire a una politica comune e armonizzata in materia di visti in Europa. In caso contrario, manovre di elusione potrebbero generare un notevole aumento delle richieste di visti di cittadini russi presso le rappresentanze svizzere", spiega la nota.

L'accordo concluso nel 2009 permetteva di semplificare la procedura per l'ottenimento del visto per determinate categorie di persone e per determinati motivi di viaggio, oltre a ridurre o abrogare gli emolumenti.

Sospeso anche lo scambio di informazioni fiscali

Il Consiglio federale ha anche deciso di sospendere provvisoriamente la trasmissione di informazioni fiscali alla Federazione Russa sulla base della riserva relativa all'ordine pubblico contenuta nella Convenzione sulla reciproca assistenza amministrativa. 

La decisione riguarda anche lo scambio automatico di informazioni relative a conti finanziari e quello delle rendicontazioni Paese per Paese, lo scambio di informazioni su domanda come pure lo scambio di informazioni spontaneo.

Non si tratta di sanzioni, ma di misure a tutela dei contribuenti svizzeri e stranieri, ha dichiarato la Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali.

Anche nel caso di questa decisione, la Svizzera si adegua alla strategia adottata dall'Unione europea, dagli Stati Uniti, dal Canada e dal Regno Unito. Il governo ribadisce inoltre la posizione di diversi tribunali e di alcune autorità che hanno già sospeso l'attività di assistenza amministrativa e giudiziaria in materia fiscale nei confronti della Federazione Russa.
 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?