Navigation

Studenti in piazza per protestare contro i tagli

Diverse centinaia di alunni sono scesi in piazza oggi a Lucerna, Zurigo, Basilea, Aarau e Ginevra per protestare contro la politica finanziaria in materia di formazione. Gli studenti accusano le autorità politiche di investire sempre meno nell'istruzione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 aprile 2017 - 19:03
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Il movimento di protesta è nato nel canton Lucerna, dopo che nell'autunno scorso per motivi di risparmio era stata osservata nelle scuole una settimana di vacanza supplementare. Nella città della Svizzera centrale i manifestanti si sono riuniti sulla Helvetiaplatz e hanno poi marciato verso il palazzo governativo. Numerosi gli slogan sugli striscioni, uno su tutti: "la formazione può veramente essere troppo cara?".

Hanno preso la parola la presidente dei giovani socialisti Tamara Funiciello e la co-presidente dei giovani verdi Judith Schmutz, che hanno fra l'altro puntato il dito sulla politica fiscale lucernese orientata a mantenere bassa l'imposizione delle imprese. Si preferisce tagliare nella scuola invece di aumentare le aliquote per le aziende, ha criticato Schmutz.

Una delegazione dei dimostranti è stata poi ricevuta dal consigliere di stato Reto Wyss (PPD): ai microfoni della radio svizzero tedesca il responsabile dal dipartimento istruzione ha detto di prendere sul serio la protesta. A suo avviso non si può però parlare di eccessivi risparmi: il cantone investe infatti in nuove offerte, a partire da nuovi indirizzi formativi, cura dei bambini per tutta la giornata, scuola dell'infanzia già da due anni.

Nelle altre città elvetiche la mobilitazione studentesca è stata assai minore di quella osservata a Lucerna. Sebbene in alcuni settori siano state fatte economie, a livello globale la spesa per la formazione è aumentata: stando all'Ufficio federale di statistica fra il 2010 e il 2014 l'incremento è stato da 33 a 36 miliardi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.