Navigation

Molestie, si aggrava la posizione di Buttet

Il consigliere nazionale vallesano Yannick Buttet è al centro di un procedimento penale per coazione in seguito alla denuncia per "reati contro l'onore e la libertà" inoltrata dalla sua ex amante. Spuntano così altre denunce.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 dicembre 2017 - 16:07
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Nuova tappa nel caso Buttet: il ministero pubblico vallesano ha aperto un'inchiesta penale per coazione, ha indicato il procuratore generale aggiunto del Vallese Jean-Pierre Greter. Secondo il Codice penale questo reato è passibile di una multa o di una pena pecuniaria di tre anni al massimo.

Il procedimento fa seguito al fermo nella notte tra il 18 e il 19 novembre davanti al domicilio della sua ex amante: il quarantenne avrebbe suonato una ventina di volte il campanello all'entrata dell'immobile di Sierre nel canton Vallese in cui la donna vive con i suoi due bambini.

Questa avrebbe avuto una relazione extraconiugale con il consigliere nazionale per un anno e mezzo. Da un anno, dalla fine della loro storia, Buttet l'avrebbe perseguitata con sms, e-mail e telefonate, talora fino a 50 volte al giorno.

Effetto valanga

La rivelazione della vicenda ha spinto diverse deputate federali e giornaliste a rivelare di essere state molestate da Buttet. Ancora ieri nei media alcune di loro hanno raccontato anonimamente i fatti, fornendo dettagli scabrosi sul comportamento del consigliere nazionale, in particolare in occasione di serate in cui il politico vallesano era apparentemente sotto l'effetto dell'alcol.

Buttet è consapevole da anni del suo problema con l'alcol e ha ormai deciso di farsi curare, ha indicato il suo avvocato Andreas Meili. Parallelamente si è dimesso da varie funzioni, tra cui quelle di vicepresidente del Partito popolare democratico svizzero (a vocazione cristiana) e della Società svizzera degli ufficiali.

Il quarantenne si è pure ritirato temporaneamente dai suoi mandati di consigliere nazionale e di sindaco del comune di Collombey-Muraz. In seguito alle nuove rivelazioni di ieri nei media il suo partito ha reiterato la volontà di incontrarlo al più presto, non appena il suo stato di salute lo permetterà.



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.