Navigation

Una svizzera su sei vittima di stalking

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 14 novembre 2017 - 20:13
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 14.11.2017)

In Svizzera una donna su sei e un uomo su venti sono vittime di stalking almeno una volta nella vita e in quasi la metà dei casi si tratta dell'ex. Su questo spinoso problema si è tenuta oggi a Berna una conferenza nazionale che ha visto la partecipazione di oltre 220 esperti che si sono confrontati in vari workshop e dibattiti.

"Lo stalking non va preso alla leggera. Non si tratta di un segnale di interesse verso una persona, ma della volontà di entrare a far parte della sua vita ad ogni costo", ha rilevato Sylvie Durrer, direttrice dell’Ufficio federale per l'uguaglianza fra donna e uomo (UFU) che ha organizzato la conferenza.

Ma nel corso dei lavori sono emerse anche proposte e strategie per circoscrivere il fenomeno. L'intervento tempestivo della polizia, è stato ad esempio sottolineato, è una delle misure più efficaci per gestire i casi di molestie ossessive.

Ma se l’azione verbale della polizia nei confronti degli stalker risulta spesso sufficiente, su un altro piano ha dato buoni risultati l'accesso agevolato ai consultori e il coordinamento tra le istituzioni in favore delle vittime. Ma non basta, restano infatti diversi aspetti critici.

Dare seguito alle denunce non è sempre facile perché il codice penale svizzero non prevede uno specifico reato di stalking che consenta di inibire e sanzionare efficacemente il molestatore. Il governo sta studiando si sta muovendo per impedire alla vittima, oggetto spesso di minacce, di sospendere il procedimento penale in corso.

Contenuto esterno


Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?