Navigation

La settimana in Svizzera

Rupperswil, all'esterno della scena del crimine. Keystone


Il processo per la strage di Rupperswil, che si è chiuso con la condanna dell'autore del massacro di una famiglia, è stato senza dubbio l'evento che ha catalizzato l'attenzione dell'opinione pubblica in questa settimana. A livello politico ha fatto discutere la nuova strategia per combattere gli abusi alle assicurazioni sociali. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 marzo 2018 - 13:00
tvsvizzera/spal con RSI (TG/Quotidiano)

Ergastolo con internamento ordinario. La corte del Tribunale di Lenzburg ha accolto integralmente i capi di imputazione a carico del pedofilo 34enne che nel dicembre 2015 ha sterminato una famiglia, ha abusato di una delle vittime e ha infine dato alle fiamme una casa. 

Schiarita sul Lago Maggiore. Firmato a Milano l'atto costitutivo del consorzio italo-svizzero che a fine mese riprenderà il servizio di navigazione sul bacino elvetico del Verbano.  

Caso di malasanità o imponderabile evento? La procura ticinese rinvia a giudizio per omicidio colposo un vice primario dell'Ospedale Civico di Lugano per il decesso di una giovane avvenuto due settimane dopo un suo brevissimo ricovero.  

Investigatori privati potranno spiare i beneficiari di rendite sociali svizzere sospettati di abusare del loro diritto. Il progetto, passato al Consiglio degli Stati sarà ora esaminato dal ramo alto del Parlamento.  



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.