Navigation

Il via vai tra Italia e Svizzera è già aumentato del 40%

L'Italia senza tampone per meno di 24 ore ha creato un effetto a catena nelle farmacie. Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved

Non c'è dubbio: l'aria è cambiata. Da giovedì scorso, se il viaggio dura al massimo 24 ore, si può varcare i confine senza aver fatto un tampone. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 giugno 2021 - 20:06
tvsvizzera.it/MaMi

Secondo l'Amministrazione federale delle dogane, ai valichi nell'ultimo fine settimana c'è stato un amento del 40% dei transiti rispetto alla settimana scorsa. A provarlo c'è un altro indicatore: chi ha fatto acquisti in Italia (leggi qui per sviluppi sul tema) ed ha fatto capo al sistema tax free è notevolmente aumentato nel giro di 7 giorni. Se nella settimana tra il 27 maggio e il 2 giugno ci sono state 1'237 richieste di tax free, dal 3 giugno ad oggi ne sono state segnalate 2'205: un incremento del 78%.

Contenuto esterno

L'Italia senza tampone per un soggiorno di 24 ore, ha creato però un effetto a catena anche nelle farmacie ticinesi, in cui gli appuntamenti per fare un test rapido sono drasticamente crollati. Ciò non vuol però dire che non ne vengono più svolti: anche se il loro numero è diminuito, l'arrivo delle vacanze ne richiederà infatti ancora parecchi.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.