La televisione svizzera per l’Italia

“Il sistema sanitario ha raggiunto il suo limite”

Anne-Geneviève Bütikofer.
Anne-Geneviève Bütikofer. © Keystone / Christian Beutler

L'avvertimento è stato lanciato dalla direttrice dell'associazione degli ospedali svizzeri H+ Anne-Geneviève Bütikofer.

Il sistema sanitario svizzero è arrivato ai suoi limiti e a lungo termine, nella forma attuale, è condannato. A lanciare l’allarme è Anne-Geneviève Bütikofer, direttrice dell’associazione degli ospedali H+Collegamento esterno, in un’intervista concessa all’edizione in edicola oggi di Le Temps.

“La domanda che bisogna porsi è: il finanziamento attuale può perdurare ancora venti o trent’anni? La risposta è no”, afferma Bütikofer al quotidiano romando. La politica deve smetterla di parlare unicamente di costi, sottolinea la numero uno dell’organizzazione di categoria.

Bütikofer invita tutte le parti in gioco a sedersi attorno a un tavolo per trovare soluzioni alternative. Fra i vari problemi che si osservano, la direttrice di H+ cita reparti di pronto soccorso sovraffollati, posti letto indisponibili per la carenza di personale qualificato e un numero insufficiente di medici nelle cliniche psichiatriche.

Il progresso tecnologico delle cure costa

Le cose non vanno meglio a livello economico. “Gli ospedali devono fare i conti con un sottofinanziamento del 10% nel settore stazionario e del 30% in quello ambulatoriale”, lamenta Bütikofer.

Nel 2019, la Svizzera contava 81 ospedali e cliniche in meno rispetto al 2001, “ovvero un calo del 23%”, fa poi notare la dirigente. “Il progresso porta a degenze più brevi e rende superflue alcune delle strutture esistenti, ma la tecnologia richiede investimenti più elevati”, dichiara Bütikofer.

“Negli ultimi vent’anni, la durata della degenza è diminuita del 37%, i giorni di cura del 16% e il numero di letti del 12%. D’altro canto, i ricoveri ospedalieri sono aumentati del 25%, il personale del 47% e la popolazione del 19%”.

Tariffe: imperativo il passaggio ai forfait

Che ne è del sistema tariffale? “Il tariffario TarMed è proprio superato”. Bütikofer chiede che sia sostituito da forfait ambulatoriali e che sia introdotto un un sistema coerente, composto di forfait e di un Tardoc per le prestazioni che non possono essere remunerate con una retribuzione globale. I forfait “riducono gli incentivi sbagliati e sono un primo passo verso tariffe a copertura dei costi nel settore ambulatoriale”.

H+ e l’associazione di assicuratori malattia Santésuisse hanno presentato all’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) a dicembre un sistema di forfait ambulatoriali. Venerdì scorso, dal canto loro, Curafutura, la seconda associazione di assicuratori, e la Federazione dei medici svizzeri (FMH) hanno consegnato l’ultima versione del modello tariffario per le prestazioni mediche ambulatoriali (Tardoc) all’Organizzazione delle tariffe medico ambulatoriali (OTMA). Secondo Curafutura e FMH, potrà essere presentato al Consiglio federale per l’approvazione al più tardi nella seconda metà dell’anno.

Legislatore fa lievitare i costi

Quali le possibilità di risparmio per i nosocomi? “Abbiamo già risparmiato molto nell’ambito dell’efficienza, anche se i processi possono ancora essere ottimizzati. Tuttavia, dobbiamo constatare che le crescenti richieste del legislatore, non finanziate, come la raccolta dei dati, l’implementazione di misure di qualità o la digitalizzazione, fanno sì che gli ospedali si trovino ad affrontare nuovi compiti che richiedono nuove risorse finanziarie”.

Altri sviluppi
Operatori sanitari in una sala operatoria dell ospedala universitario di Losanna.

Altri sviluppi

I costi della salute continueranno ad aumentare

Questo contenuto è stato pubblicato al Secondo il Centro di ricerca congiunturale del Politecnico federale di Zurigo questi costi continueranno a crescere nei prossimi anni.

Di più I costi della salute continueranno ad aumentare

La direttrice di H+ punta il dito anche contro gli assicuratori poco propensi a riconoscere l’incremento dei costi dovuto all’inflazione. “Non sono disposti ad affrontare l’evoluzione dei costi, come i prezzi dell’energia, che possono aumentare fino al 300%. Quando si parla di adeguare le tariffe all’inflazione, pongono il veto”.

Assicuratori non vogliono aumentare i premi

“H+ ha calcolato l’inflazione media per il 2022 e il 2023 e ha chiesto un adeguamento delle tariffe del 5% come misura urgente. Tuttavia, gli assicuratori non hanno accettato. Non vogliono aumentare i premi, il che è legittimo da parte loro”.

All’inizio del mese, la presidente di H+, Regine Sauter, in un’intervista pubblicata dalla Neue Zürcher Zeitung aveva criticato il finanziamento dell’ente pubblico degli ospedali. I sostegni diversi a seconda del nosocomio impediscono la trasparenza sui costi effettivi dei trattamenti e ostacolano la concorrenza, secondo la consigliera nazionale zurighese (PLR).

Attualità

Joe Biden

Altri sviluppi

Biden ha il Covid

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha contratto l'infezione ma assicura di sentirsi bene. La notizia rischia però di far aumentare la pressione per un suo possibile ritiro dalla corsa elettorale

Di più Biden ha il Covid
La presidente Viola Amherd (a destra) con alcuni partecipanti al vertice della Comunità politica europea.

Altri sviluppi

Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

Questo contenuto è stato pubblicato al Si è aperto oggi al Blenheim Palace di Woodstock, comune del sud dell'Inghilterra nei pressi di Oxford, il quarto vertice della Comunità politica europea (CPE).

Di più Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea
Container al porto fluviale di Basilea.

Altri sviluppi

Ripresa del commercio estero svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo un inizio d'anno poco dinamico le esportazioni sono tornate a crescere con vigore nel secondo trimestre.

Di più Ripresa del commercio estero svizzero
Il Tribunale penale federale a Bellinzona.

Altri sviluppi

Algerino rinviato a giudizio per terrorismo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Procura federale il presunto militante dello Stato Islamico (ISIS), la cui domanda d'asilo in Svizzera era stata respinta, progettava un attentato in Francia.

Di più Algerino rinviato a giudizio per terrorismo
Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra
prigionieri di guerra salgono su un bus.

Altri sviluppi

Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

Questo contenuto è stato pubblicato al Russia e Ucraina hanno liberato 95 prigionieri di guerra a testa, a meno di un mese dal precedente scambio.

Di più Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR