La televisione svizzera per l’Italia

Il parto anonimo è sempre più diffuso in Svizzera

piedino di neonato risoperto di inchiostro rosso e impronta rossa su un foglio
Il parto anonimo è una valida alternativa alle baby finestre. Keystone / Xinhua / Chen Qibao

È in costante crescita il numero di strutture ospedaliere elvetiche che offre alle donne incinte la possibilità di mettere al mondo il proprio bebè in maniera anonima e riservata.

Sono sempre di più gli ospedali in Svizzera che offrono alle donne incinte la possibilità di partorire in modo anonimo e riservato. Una pratica che rappresenta una valida alternativa alle “baby finestre”, ma che è ancora poco considerata.

Tre anni fa, a inizio gennaio 2020, la storia di un neonato abbandonato in una discarica di Därstetten, nell’Oberland bernese, aveva sconvolto l’opinione pubblica. Il bebè era sfuggito per un soffio alla morte dopo che la madre, avendo partorito da sola di nascosto e senza alcuna assistenza, ha voluto nascondere al suo compagno una gravidanza sfociata da una relazione con un altro uomo.

Proprio per evitare questo tipo di finali drammatici, esiste il parto confidenziale, che permette alla donna di dare alla luce il proprio bebè in un ambiente protetto, potendo partorire in un ospedale con un’assistenza appropriata mentre le sue informazioni personali rimangono custodite in maniera riservata, in modo che il suo entourage non venga a sapere nulla. Le fatture e i conteggi legati ai vari trattamenti necessari non vengono ovviamente recapitati a casa della partoriente e solo l’anagrafe e le autorità di protezione dei minori e degli adulti vengono informate della nascita.

L’anonimato non si ferma qui, però: se qualcuno di esterno contatta il reparto maternità o chiede di vedere la madre, viene riferito che la donna non è ricoverata presso l’ospedale oppure che non è conosciuta. Le visite in camera avvengono unicamente dietro consenso della paziente.

L’affidamento in adozione è la scelta più comune

In seguito al parto, secondo quanto prevede il Codice civile svizzero, la donna ha sei settimane di tempo per decidere se preferisce dare il neonato o la neonata in adozione oppure se vuole tenerlo/a. Nella maggior parte dei casi viene scelta l’adozione. In seguito le vengono concesse altre sei settimane per riconsiderare la decisione.

Una volta che il figlio o la figlia ha raggiunto la maggiore età, potrà chiedere lumi sull’identità della madre biologica. Un diritto a conoscere le proprie origini, garantito dalla Costituzione, che non può essere rispettato con le “baby finestre”, dove i neonati vengono abbandonati anonimamente.

Le cose stanno cambiando

L’organizzazione Salute Sessuale Svizzera (SSCH) si impegna da diversi anni nella promozione del parto confidenziale. Nel 2020, l’organizzazione mantello dei centri di salute sessuale elvetici, nonché partner dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e membro accreditato dell’International Planned Parenthood Federation (IPPF), ha pubblicato un rapporto su questa pratica, che fino ad allora era rimasta ai più sconosciuta.

Secondo Christine Sieber della SSCH, lo studio ha avuto un impatto notevole. “Dopo il nostro rapporto, le cose hanno iniziato a cambiare”, ha affermato a Keystone-ATS. Praticamente ogni ospedale in Svizzera offre questa valida alternativa, che ora viene proposta in 20 cantoni. Stando ad un conteggio della SSCH, nel 2020 la possibilità era offerta solo in 18 cantoni. In Ticino attualmente l’opzione non esiste, ma si sta discutendo per la sua introduzione.

“I media si sono interessati all’argomento. È un tema che riguarda le persone più vulnerabili della società”, ha aggiunto Sieber. Nella maggior parte dei casi si tratta di donne che non si accorgono subito di essere rimaste incinte e che non possono più interrompere la gravidanza. “Tendenzialmente si tratta di giovani donne, spesso con un passato migratorio, ma non sempre”, afferma Sieber. In molti casi, “rimanere incinte può esporre una donna a seri rischi, quando per esempio le viene vietato di avere rapporti sessuali prima del matrimonio”. In questo caso, la maggior parte dei neonati viene poi affidata a genitori adottivi.

Non esistono per ora statistiche in merito ai parti confidenziali, ma l’SSCH stima che nella Confederazione si verifichino tra i “20 e i 30 casi all’anno”, molti di più se paragonati alla media di due casi all’anno per le “baby finestre”.

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR