Navigation

Attive da 20 anni le "baby finestre" in Svizzera

Le mamme possono aprire la finestrella e adagiare il neonato in una culla riscaldata. Il tutto anonimamente. Dopo qualche minuto, scatta l'allarme e il bebè viene preso in consegna dal personale sanitario. © Keystone / Ti-press / Samuel Golay

Vent'anni fa l'ospedale regionale di Einsiedeln, nel canton Svitto, ha aperto il primo "sportello per neonati", o "baby finestra", in Svizzera: era la Festa della Mamma del 2001. Oggi esistono sette altre installazioni di questo genere e sono considerate indispensabili.

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 maggio 2021 - 08:31

All'alba del 4 gennaio 2020 un neonato è stato scoperto su un cantiere non riscaldato di Därstetten, nell'Oberland bernese, abbandonato dalla madre la notte precedente. Un agricoltore lo ha trovato in stato di ipotermia e avvertito i soccorsi. Ne è seguito un processo penale contro i genitori.

"Se la madre avesse lasciato il bambino allo sportello più vicino, non avrebbe dovuto temere multe o conseguenze penali", ha detto all'agenzia Keystone-ATS Dominik Müggler, responsabile del progetto "Baby window" dell'Aiuto svizzero per madre e bambino (ASMB) e uomo all'origine del primo sportello per neonati.

Indispensabili

Considerati vent'anni fa problematici sul piano giuridico, oggi le baby finestre sono giudicate indispensabili. Dal 2001, 26 neonati vi sono stati depositati. Fra il 1997 e il 2001, prima dell'esistenza degli sportelli, 13 neonati sono stati uccisi o abbandonati, mentre in tutti i 20 anni successi si sono contati 17 casi simili.

Il concetto delle baby finestre è semplice: le madri in difficoltà possono depositare il loro bebè in uno scompartimento accessibile dall'esterno di una struttura ospedaliera, per poi poterlo chiudere e allontanarsi. Un allarme segnala la presenta del neonato tre minuti più tardi.

La piccola o il piccolo viene poi preso a carico dall'ospedale e dall'Autorità di protezione dei minori e degli adulti (APMA, nota anche con la sigla tedesca KESB). La madre può contattare le autorità per prendere contatto col bambino e può anche iniziare una procedura d'adozione, che può avvenire al più presto un anno dopo l'abbandono.

Idea tedesca

Müggler ha avuto l'idea dello sportello per neonati prendendo spunto da un progetto simile nato nel 2000 ad Amburgo, in Germania. Il primo allarme ad Einsiedeln è suonato il 5 settembre 2002 alle 14:30. In totale ora queste speciali "finestre" sono otto; le altre si trovano a Olten, Berna, Basilea, Davos, Bellinzona, Zollikerberg e Sion.

Contenuto esterno

Nei 26 casi di bambini lasciati in questi appositi spazi, tredici madri si sono fatte vive e hanno rivelato la loro identità e sei di loro hanno recuperato il bambino dopo aver superato il periodo di crisi.

tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 09.05.2021)

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.