Navigation

Il cinema birmano, un cinema dove non ci si può nemmeno baciare

Il regista birmano Maung Sun presenta a Locarno il suo primo lungometraggio. Locarno Film Festival

Tra i protagonisti del Locarno Film Festival vi è anche un giovane regista del Myanmar, Maung Sun, giunto nella città ticinese senza la produttrice del suo film, imprigionata dalla giunta militare birmana.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 agosto 2021 - 21:00

Il mondo artistico e cinematografico in particolare non è uscito indenne dal colpo di Stato perpetrato sei mesi fa dai militari birmani. Diversi professionisti del settore sono stati arrestati.

Tra di loro la regista e produttrice Ma Ateint, imprigionata da oltre un mese, e che sarebbe dovuta essere presente al Locarno Film Festival. ""Non sappiamo nemmeno quali siano le accuse del regime militare", spiega alla Radiotelevisione svizzera Maung Sun.

Il giovane cineasta birmano, che alla manifestazione locarnese presenta il suo primo lungometraggio, una commedia intitolata Money has four Legs, testimonia della situazione in cui versa il suo paese e il cinema in Myanmar.

Contenuto esterno



I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.