La televisione svizzera per l’Italia

Il 2022 all’insegna della povertà nel mondo

donne afghane con burqa
L'Afghanistan fa parte dei Paesi più a rischio Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved.

Il prossimo anno 274 milioni di persone in tutto il mondo avranno bisogno di assistenza: a dirlo è il rapporto annuale dell'Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, pubblicato giovedì.

Un documento che lancia un grido d’allarme: nel 2022 una persona su 29 si troverà in condizioni di estrema povertà. Per questo motivo l’ONU chiede finanziamenti per 41 miliardi di dollari, il 17% in più rispetto al 2021.

Si tratta della più alta somma chiesta finora, ma che è necessaria per arginare una situazione aggravata dalla pandemia, che secondo il rapporto ha gettato 20 milioni di persone in condizioni di estrema povertà.

Il Covid-19, inoltre, ha colpito i sistemi sanitari più fragili, rendendo la battaglia contro malattie come l’AIDS, la tubercolosi e la malaria ancora più difficili.

Contenuto esterno

Non vanno poi dimenticati i cambiamenti climatici e i disastri naturali, che, secondo il rapporto, entro il 2050 potrebbero costringere oltre 200 milioni di persone a lasciare il proprio Paese.

“Senza un’azione duratura e immediata – si legge nel documento – la carestia è una minaccia reale per 45 milioni di persone”. Afghanistan, Siria, Yemen, e i Paesi del Corno d’africa risultano essere tra quelli con le maggiori difficoltà.

Attualità

donna

Altri sviluppi

Cambia partito poco dopo essere stata eletta, il Tribunale federale vuole chiarezza

Questo contenuto è stato pubblicato al La più alta istanza giudiziaria svizzera ha accolto un ricorso presentato contro l'elezione nel Parlamento cantonale di Zurigo di una esponente del Partito verde liberale, passata a quello liberale radicale meno di due settimane dopo il voto.

Di più Cambia partito poco dopo essere stata eletta, il Tribunale federale vuole chiarezza
Benjamin Netanyahu.

Altri sviluppi

Manifestazioni in Israele dopo il video delle soldatesse rapite

Questo contenuto è stato pubblicato al In Israele il gabinetto di guerra ha dato il via libera alla ripresa dei negoziati per la liberazione degli ostaggi detenuti da Hamas e un cessate il fuoco a Gaza.

Di più Manifestazioni in Israele dopo il video delle soldatesse rapite
Bambino nascosto sotto le coperte del letto

Altri sviluppi

Lo stress è il principale fattore di rischio sul lavoro in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'indagine nazionale sulla salute rivela quali sono i pericoli più frequenti che lavoratori e lavoratrici incontrano quotidianamente. Nel complesso, ristorazione, edilizia e sanità sono i settori più vulnerabili.

Di più Lo stress è il principale fattore di rischio sul lavoro in Svizzera
tessere casse malati

Altri sviluppi

“Aumento del 6% dei premi dell’assicurazione malattia nel 2025”

Questo contenuto è stato pubblicato al Il portale di comparazione online Comparis ha previsto un aumento medio del 6% dei premi dell'assicurazione sanitaria di base per il 2025. In certe regioni l'incremento potrebbe superare il 10%.

Di più “Aumento del 6% dei premi dell’assicurazione malattia nel 2025”
Il primo ministro britannico Rishi Sunak.

Altri sviluppi

Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio

Questo contenuto è stato pubblicato al La convocazione è anticipata così di circa 6 mesi rispetto alla scadenza naturale della legislatura.

Di più Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio
Un neonato accudito dal padre.

Altri sviluppi

Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il progetto da 24 settimane accolto dal popolo ginevrino non può entrare per ora in vigore: è incompatibile con il diritto federale.

Di più Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR