La televisione svizzera per l’Italia

I quaderni di scuola, testimoni dei cambiamenti della società

quaderno con scritte in tedesco e astuccio aperto
Una collezione di migliaia di quaderni di scuola provenienti da 40 Paesi sarà esposta in un museo a Milano. © Keystone / Christian Beutler

Una coppia di appassionati di Milano ha collezionato migliaia di quaderni di scuola in 40 Paesi che presto potranno essere ammirati in un museo meneghino.

Sfogliare un vecchio quaderno di scuola, anche se non il proprio, è un’esperienza che al di là dei ricordi o della nostalgia può raccontarci i cambiamenti del costume e della società nel corso dei secoli. Sarà anche per questo che una coppia di appassionati, Thomas Pololi e Anna Ronchi, marito e moglie, a Milano sta raccogliendo e conservando migliaia di quaderni scolastici provenienti da quasi 40 Paesi del mondo, con pezzi che vanno dalla fine del Settecento fino agli anni ’90 del secolo scorso. Tra questi anche quaderni di bambine e bambini che sono andati a scuola in Svizzera.

Non è soltanto una semplice conservazione di oggetti del passato: i quaderni infatti nascondono, nella loro semplicità, importanti aspetti culturali, sociali e storici. E fra le loro pagine c’è una componente ancora più affascinante: “Le storie al loro interno”, dice Thomas Pololi. La forza principale di questi cimeli è il fatto che permettono a chi li consulta di poter “entrare all’interno delle vite dei bambini del passato e poter guardare la realtà in cui vivevano con i loro occhi”.

Contenuto esterno

Dalle testimonianze che vi si possono leggere emerge soprattutto l’impronta che la scuola, la società e la politica hanno cercato di dare a bambini e ragazzi in diversi periodi storici.

L’Archivio dei quaderni di scuola suddivide gli esemplari per epoca storica e per nazione di provenienza. Il fatto che provengano da diverse parti del mondo permette anche una loro analisi e lettura tematica. Chi li guarda può capire come uno stesso tema viene trattato in epoche diverse da popoli diversi.

La raccolta dei giovani coniugi si sposterà il prossimo autunno dai loro archivi personali a “uno spazio dove si potranno non solo esplorare le testimonianze dei bambini del passato, ma anche uno spazio dove riflettere sul presente e sul rapporto tra la società e i bambini di oggi”, spiega Pololi.

Attualità

Il primo ministro britannico Rishi Sunak.

Altri sviluppi

Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio

Questo contenuto è stato pubblicato al La convocazione è anticipata così di circa 6 mesi rispetto alla scadenza naturale della legislatura.

Di più Regno Unito al voto il prossimo 4 luglio
Un neonato accudito dal padre.

Altri sviluppi

Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il progetto da 24 settimane accolto dal popolo ginevrino non può entrare per ora in vigore: è incompatibile con il diritto federale.

Di più Il congedo parentale a Ginevra dovrà attendere
Bandiera palestinese.

Altri sviluppi

Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina

Questo contenuto è stato pubblicato al I tre Paesi europei hanno annunciato che martedì prossimo riconosceranno lo Stato palestinese. Salgono così a undici gli Stati del Vecchio Continente a fare questo passo.

Di più Spagna, Norvegia e Irlanda riconoscono la Palestina
Agenti della polizia federale.

Altri sviluppi

Colpo alla mafia turca, arresti anche in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Perquisizioni nel Canton Argovia e a Zurigo nell'ambito della vasta indagine condotta dalla Procura di Milano contro l'organizzazione di Baris Boyun, il boss turco che soggiornava spesso in Svizzera.

Di più Colpo alla mafia turca, arresti anche in Svizzera
Un treno all'interno della galleria del Lötschberg.

Altri sviluppi

Lavoratori intossicati nella galleria del Lötschberg

Questo contenuto è stato pubblicato al Perdita di una sostanza chimica da un vagone in transito, lievi difficoltà respiratorie per cinque persone all'interno del tunnel. Il traffico ferroviario è stato nel frattempo ripristinato.

Di più Lavoratori intossicati nella galleria del Lötschberg
Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR