La televisione svizzera per l’Italia

Fine dell’accordo sui cereali sul Mar Nero, ripercussioni minime sulla Svizzera

nave da grano
Ispettori esaminano un carico di mais ucraino vicino a Istanbul, agosto 2022. Keystone / Turkish Defence Ministry Handout

Un accordo che per un anno ha garantito l'esportazione sicura di grano ucraino attraverso il Mar Nero è scaduto lunedì sera, scatenando il timore di problemi di approvvigionamento alimentare a livello globale.

“Le conseguenze per la Svizzera saranno minime”, ha dichiarato martedì mattina alla Radiotelevisione della Svizzera romanda RTS il capo della federazione dei produttori svizzeri di cereali. “Potremmo incontrare ulteriori difficoltà in termini di logistica e trasporto, ma l’approvvigionamento è assicurato”.

I cereali per l’alimentazione animale potrebbero risentire maggiormente della scadenza dell’accordo, ha proseguito Pierre-Yves Perrin. “È su questo fronte che i mercati saranno più rigidi nelle prossime settimane”. Tuttavia, anche se “potrebbe essere un po’ complicato, le quantità necessarie potranno arrivare”, ha detto.

+ Svolta sul grano, accordo tra Russia e Ucraina

L’intesa non è stata prolungata in seguito al ritiro della Russia, che ha dichiarato di non poter più garantire la sicurezza delle navi da carico. Pessima notizia, secondo l’ONU: la rottura dell’accordo rischia di “colpire le persone bisognose ovunque” e diverse regioni in Africa e Asia rischiano la carestia.

Mosca ha fatto sapere che se le richieste di migliorare le esportazioni di grano e fertilizzanti fossero state soddisfatte, avrebbe preso in considerazione la possibilità di ristabilire l’intesa.

Tuttavia, il Segretario generale dell’ONU Antonio Guterres ha dichiarato che è terminato anche un patto delle Nazioni Unite che mirava a facilitare le spedizioni della Russia nell’ultimo anno.

Attualità

carro armato

Altri sviluppi

Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al Malgrado le condanne giunte da tutto il mondo dopo l'attacco di domenica notte, nel quale sono morti decine di civili, l'esercito israeliano prosegue le operazioni nel sud della Striscia di Gaza.

Di più Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Altri sviluppi

Un alunno su sei è in sovrappeso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il sovrappeso e l'obesità rimangono una sfida per i bambini e gli adolescenti. Secondo un monitoraggio che si riferisce all'anno scolastico 2022/23, un alunno su sei ha problemi con la bilancia.

Di più Un alunno su sei è in sovrappeso

Altri sviluppi

Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al Secondo un sondaggio in Svizzera quasi un terzo della popolazione ha già vissuto liti con il vicinato. I motivi più comuni sono l'eccesso di rumori, problemi con la lavanderia, infrazioni delle regole sui posteggi e diatribe riguardanti la proprietà di terreni.

Di più Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio
bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera
Un treno entra in una stazione di periferia.

Altri sviluppi

Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

Questo contenuto è stato pubblicato al Per l'insieme della Svizzera, il 94,46% dei treni è arrivato a destinazione con meno di tre minuti di ritardo rispetto all'orario stabilito, contro il 94,92% nell'anno precedente. Nel settore degli autobus, il numero delle corse puntuali si situa sotto la soglia del 90%.

Di più Mezzi pubblici regionali un po’ meno puntuali

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR