Navigation

Nobel per la pace contro gli stupri di guerra

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 05 ottobre 2018 - 12:30
tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 5.10.2018)

Il ginecologo congolese Denis Mukwege e l'attivista yazida Nadia Murad sono i due personaggi vincitori del Nobel per la pace di quest'anno.

Il premio, ha fatto specificato il comitato norvegese, è stato assegnato ai due "per i loro sforzi volti a porre fine all'uso della violenza sessuale come arma di guerra e conflitto armato".  

Il medico africano Denis Mukwege si è impegnato per almeno due decenni in favore delle vittime delle violenze sessuali. In particolare ha fondato nel 1998 il Panzi Hospital, struttura sanitaria specializzata nelle terapie contro i danni fisici interni causati da stupro. Esperienza che ha convinto nel 2014 il Parlamento europeo ad attribuirgli il Premio Sakharov per la libertà di pensiero.

Percorso diverso e più doloroso, ma sempre nell'ambito di questo genere di traumi, per l'altra vincitrice di questo alloro internazionale. Nadia Murad venne rapita nell'agosto del 2014 dai miliziani dello Stato islamico a Kocho, il villaggio della minoranza yazida dove viveva nell'Iraq settentrionale.

Da quel giorno ha vissuto il suo calvario, raccontato nel libro autobiografico "L'ultima ragazza", fatto di sistematiche e continue violenze da parte degli uomini dell'Isis che l'avevano segregata come schiava sessuale.

Dopo la sua miracolosa fuga ha iniziato a battersi per far conoscere al mondo i crimini perpetrati dall'Isis contro la sua comunità ed è stata nominata nel settembre 2016 ambasciatrice dell'ONU per la dignità dei sopravvissuti alla tratta di esseri umani.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.