Navigation

Corno delle Alpi, intervista al maestro Pot

Gérald Pot costruisce e suona, da 44 anni, questi strumenti simbolo delle montagne svizzere; è uno degli ultimi artigiani del settore, e ce ne svela i segreti

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 agosto 2015 - 21:50

In questo 1° d'agosto non poteva mancare il corno delle Alpi. Incontriamo uno dei suoi grandi maestri, Gérald Pot, che suona e costruisce corni da 44 anni nel canton Vallese.

Il nostro incontro inizia con la vestizione dell'abito tradizionale, imprescindibile: "È un costume che va portato con sentimento", spiega Pot, "perché chi lo indossa rappresenta il folklore svizzero".

Il maestro -che in passato si è esibito a Parigi, a Mosca, in America e alla Royal Albert Hall di Londra- ci mostra come il corno alpino possa essere suonato con diverse tecniche respiratorie.

Poi illustra le fasi di una creazione che dura circa 80 ore, per uno strumento in legno d'abete rosso che costerà al minimo 4000 franchi. Il doppio, ad esempio, di un corno delle Alpi costruito in serie in Polonia.

Da Pot, invece, "ogni corno delle Alpi ha la sua personalità".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.