Come promesso in campagna Trump impone dazi sull'acciaio e l'alluminio

Alla fine Donald Trump ha deciso di andare avanti, costi quel costi: la stretta sulle importazioni di acciaio ed alluminio ci sarà, come promesso in campagna elettorale. E pazienza se tra i suoi più stretti collaboratori non tutti sono d'accordo.


A partire dal consigliere economico Gary Cohn, una delle figure di più alto profilo del suo staff, contrario alle misure generalizzate auspicate dal presidente. Misure che rischiano di innescare una vera e propria guerra commerciale a livello mondiale.

Ecco allora che quello di Trump è per ora solo "un annuncio informale", senza quell'ufficialità che il tycoon avrebbe desiderato subito. Tanto che alla Casa Bianca erano stati convocati i vertici delle principali industrie Usa dell'acciaio e dell'alluminio, per una sorta di cerimonia in grande stile. 

La decisione finale invece è slittata: "La prossima settimana", ha assicurato Trump, che ha confermato come la sua intenzione è di imporre dazi del 25% sull'acciaio e del 10% sull'alluminio. Ma ancora non vi è alcuna certezza. E nessun altro dettaglio è stato reso pubblico dal presidente. Molti i nodi che restano aperti e che - stando a quanto riportano i media - in queste ore hanno scatenato una vera e propria lite all'interno della West Wing. 

Le azioni di ritorsione verso gli Usa sono dietro l'angolo. Non a caso, dopo le parole di Trump, Wall Street ha reagito con un improvviso crollo che ha portato il Dow Jones a perdere fino a 500 punti. Non sembrano preoccuparsi però i 'falchi' che appoggiano la linea ultra-protezionista del presidente, a partire dal segretario al commercio Wilbur Ross. 

Da Berlino a Pechino, da Tokyo a Mosca le reazioni sono unanime: grande preoccupazione per questa decisione unilaterale. 

Parole chiave