Navigation

Avocado e mango made in Sicily

I cambiamenti climatici hanno offerto una nuova opportunità ai giovani produttori dell'isola.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 agosto 2021 - 10:02
Gilberto Mastromatteo, RSI News
Contenuto esterno

I primi esperimenti vennero compiuti negli anni Sessanta. Allora la Sicilia era sinonimo di agrumi. Ma oggi la coltivazione della frutta tropicale sta diventando sempre più diffusa.

L'area più vocata è quella tra l'Etna e il Mediterraneo. A Giarre, il giovane imprenditore agricolo Andrea Passanisi ne ha capito le potenzialità e ha fondato SiciliaAvocadoLink esterno e il consorzio Dal TropicoLink esterno. Oggi la sua azienda esporta in tutta Europa. Manghi, avocado e frutti della passione cresciuti nel catanese giungono anche sui mercati svizzeri. La frutta made in Sicily, peraltro, richiede un minore impatto ambientale per giungere sulle tavole europee, rispetto a quella proveniente da Centro e Sud America.

Una storia fatta di intuito e tenacia nel cogliere un'opportunità che oggi appare avvantaggiata dal cambiamento climatico e dalla tropicalizzazione del Mediterraneo. Il fenomeno è in continua evoluzione. Se n'è occupato  di recente anche lo scrittore Stefano Liberti, autore di varie inchieste su temi agricoli e ambientali, nel suo libro Terra BruciataLink esterno.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.