La televisione svizzera per l’Italia

Aumentano i suicidi assistiti in Svizzera

flacone di pentobarbital accantoa bicchiere d acqua
Cresce il numero di persone che sceglie di mettere fine alle proprie sofferenze tramite il suicidio assistito. Keystone / Alessandro Della Bella

Nel 2022 il numero di persone che l’associazione elvetica Exit ha accompagnato alla morte  è aumentato del 15%. 

Nel 2022, 1’627 persone hanno fatto ricorso al suicidio assistito tramite Exit Svizzera, ossia 233 in più rispetto al 2021 (+15%). Exit Svizzera romanda ha totalizzato 502 interventi, mentre Exit Svizzera tedesca (che include anche il Ticino e i Grigioni) ne ha contati 1’125.  

Quest’ultimo ramo dell’associazione di accompagnamento al suicidio ha inoltre registrato 17’361 adesioni supplementari e, il 31 dicembre, contava 154’118 membri. E la tendenza al rialzo non si arresta, rileva Exit Svizzera tedesca in una nota diffusa venerdì: solo nel mese di gennaio di quest’anno altre 2’200 persone hanno richiesto la tessera dell’associazione. I dati completi per la Svizzera romanda verranno invece resi noti nel mese di aprile.  

Le ragioni di questo sempre maggiore bisogno di ricorrere al suicidio assistito sono da ricercare nell’invecchiamento della società (secondo Exit l’età media di chi ha ricorso ai suoi servizi è aumentata di 1,4 anni rispetto al 2021 ed è ora di 79,6 anni), che ha come conseguenze malattie o disabilità che incidono gravemente sulla qualità della vita. 

Come negli anni passati, le donne hanno costituito circa il 60% dei casi. La maggior parte delle persone che hanno fatto ricorso al suicidio assistito soffriva di cancro in fase terminale: 413 malate e malati, pari al 37% del totale. L’associazione ha accompagnato alla morte anche 320 persone molto anziane con infermità multiple e diverse persone con disturbi che causano dolore cronico. 

La maggior parte delle persone gravemente malate può far venire Exit al proprio domicilio e nel 2022 il 76% dei suicidi assistiti di cui si è occupata l’associazione  si sono svolti tra le mura di casa. Quasi uno su cinque (il 18,6%) è avvenuto in una casa per anziani o in una struttura socio-sanitaria.  

Nel complesso, il ricordo al suicidio assistito rimane una rarità in Svizzera: ad oggi rappresentano poco più dell’1,5% dei decessi. 

Va notato che questi dati riguardano unicamente l’associazione con scopo non lucrativo Exit e non prende in considerazione altre organizzazioni simili, come per esempio Dignitas, Ex International, Lifecircle o ancora Pegasos Swiss Association. 

Exit cerca accompagnatori e accompagnatrici al suicidio 

Exit è la più nota associazione di accompagnamento alla morte e pochi giorni fa ha fatto parlare di sé, quando sulla stampa ticinese è apparso un annuncio a dir poco inconsueto: “Per il Ticino cerchiamo accompagnatori/accompagnatrici per il suicidio assistito”. Una rarità, ha spiegato l’associazione, che dice essere solita reclutare accompagnatrici e accompagnatori fra i propri membri. Con i numeri di suicidi in crescita, però, è stato necessario pubblicare l’annuncio. 

Dibattito acceso 

Il suicidio assistito è da sempre tema di accese discussioni: oltre alla divisione tra favorevoli e contrari, c’è anche il dibattito su cittadine e cittadini stranieri che arrivano in Svizzera per mettere fine ai propri giorni e alle proprie sofferenze in maniera legale. È per esempio il caso di Yoshi, il cui percorso dal Giappone alla Confederazione è stato seguito dai colleghi di Swissinfo, di Adelina di Spinea (aiutata da Marco Cappato dell’associazione Luca Coscioni) o ancora di Dj Fabo, che dall’Italia sono venuti in Svizzera per farla finita. Persone che però non sono state aiutate da Exit, che prende a carico unicamente dossier di persone che vivono in Svizzera o che sono in possesso di un passaporto rossocrociato.  

Nel corso degli anni sempre più Paesi hanno deciso di autorizzare il suicidio assistito, ma le pratiche sono spesso lunghe e complesse e non è raro che le persone che vogliono ricorrervi decidano di abbandonare l’idea, di spostarsi fino in Svizzera per morire o ancora che muoiano a causa delle conseguenze della malattia che le affligge.  

Attualità

Thomas Aeschi

Altri sviluppi

Zuffa a Palazzo federale, Beat Jans difende le azioni degli agenti

Questo contenuto è stato pubblicato al "I parlamentari avrebbero dovuto attenersi alle istruzioni della polizia": il consigliere federale Beat Jans ha difeso l'operato degli agenti che hanno bloccato i due deputati democentristi che hanno cercato di accedere a un'area momentaneamente bloccata a Palazzo federale.

Di più Zuffa a Palazzo federale, Beat Jans difende le azioni degli agenti
atleta con bandiera svizzera a mo' di mantello

Altri sviluppi

Record di medaglie svizzere agli europei di atletica

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha raccolto un numero record di riconoscimenti ai campionati europei di atletica di Roma, che si sono conclusi mercoledì.

Di più Record di medaglie svizzere agli europei di atletica
autostrada con cartelli

Altri sviluppi

Galleria autostradale del San Gottardo chiusa per otto notti

Questo contenuto è stato pubblicato al A causa di lavori di manutenzione, il tunnel autostradale del San Gottardo sarà chiuso al traffico in entrambe le direzioni per un totale di otto notti nel mese di giugno.

Di più Galleria autostradale del San Gottardo chiusa per otto notti
nave militare

Altri sviluppi

Navi della flotta russa arrivano a Cuba

Questo contenuto è stato pubblicato al Quattro navi della marina militare russa, tra cui un sommergibile nucleare, sono arrivate mercoledì nella baia dell'Avana, dopo aver partecipato a delle manovre.

Di più Navi della flotta russa arrivano a Cuba
persone in posa per una foto

Altri sviluppi

I leader del G7 riuniti in Puglia

Questo contenuto è stato pubblicato al Al centro del vertice organizzato a Borgo Egnazia che riunisce i capi di Stato e di Governo di Stati Uniti, Germania, Italia, Francia, Regno Unito, Canada e Giappone vi è la guerra in Ucraina.

Di più I leader del G7 riuniti in Puglia
persona paga fatture

Altri sviluppi

Almeno 400’000 persone hanno troppi debiti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Analizzando la banca dati di una società attiva nel campo dei controlli di solvibilità, i giornali del gruppo Tamedia hanno fatto una mappatura della situazione dell'indebitamento in Svizzera.

Di più Almeno 400’000 persone hanno troppi debiti in Svizzera
persona sventola bandiera tricolore da un'auto

Altri sviluppi

Cosa si può fare in Svizzera per festeggiare una vittoria all’Euro di calcio

Questo contenuto è stato pubblicato al I cortei e i concerti di clacson dopo la vittoria della nazionale del cuore sono una tradizione durante gli Europei e i Mondiali di calcio. Ma cosa permettono o non permettono di fare le polizie cantonali svizzere?

Di più Cosa si può fare in Svizzera per festeggiare una vittoria all’Euro di calcio

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR