Navigation

125 anni fa - Il primo tour del cinematografo

I fratelli Auguste (1862-1954) e Louis (1864-1948) Lumière. Keystone / Str

Centoventicinque anni fa, i fratelli francesi Lumière partivano in tournée con la loro invenzione: il cinematografo. Uno strumento che funzionava sia da camera sia da proiettore, il cui debutto coincide con la nascita della settima arte e del suo pubblico pagante: i primi 33 spettatori spesero un franco ciascuno per assistere alla proiezione di dieci film della durata di circa un minuto ciascuno.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 gennaio 2021 - 08:44

A quel primo spettacolo, il 28 dicembre 1895 in un salone del Grand Café in Boulevard des Capucines a Parigi, ne seguirono in realtà molti altri nella capitale francese prima che il cinematografo partisse, nel corso del 1896, per essere presentato a Londra e New York.

RSI-SWI

A girare i cortometraggi erano stati gli stessi inventori del cinematografo, Auguste e Lois Lumière, figli del fotografo e imprenditore Antoine. Una volta andato in pensione il padre si concentrarono sulla creazione della pellicola cinematografica, che potesse cioè essere trascinata alla velocità di 25 scatti al secondo per riprendere e riprodurre il movimento.

I fratelli furono dunque anche tra i primi cineasti della storia e in quel primo spettacolo presentarono tra gli altri un documentario (L'uscita dalle officine Lumière, che aprì la proiezione) e una commedia (L'innaffiatore innaffiato). Celebre anche La colazione del bimbo, che ritrae lo stesso Auguste con la moglie Marguerite e la piccola figlia Andrée.

La voce si sparse rapidamente. "È come oggi", rievoca il direttore dell'Istituto Lumière, Louis Frémaux, "la stampa decreta il successo e poi c'erano i racconti degli spettatori, che uscivano dal Salon Indien e si precipitavano in strada, trascinando i passanti nel locale: venite, venite, dovete vedere anche voi quello che abbiamo visto!"

Contenuto esterno

Nel servizio RSI, oltre all'intervista a Frémaux, le immagini di alcuni cortometraggi dei Lumière, incluso quello che pur non facendo parte dei primi dieci sarà un "campione di incassi": 'L'arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat'.

Contenuto esterno

Nell'omaggio delle Teche RSI, più dettagli su 'L'uscita dalle officine' e, in breve, la disputa sulla paternità del cinema.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 03.01.2021)    

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.