Navigation

La fotografia dietro il tratto di Dudovich

Marcello Dudovich fu anche un autentico appassionato di fotografia. RSI-SWI

Il m.a.x. museo di Chiasso inaugura domenica la nuova stagione espositiva con una mostra dedicata al pittore e illustratore triestino Marcello Dudovich, uno dei capiscuola della moderna cartellonistica in Italia. L'allestimento ripercorre la storia della pubblicità nella prima metà del '900 con 300 manifesti e 200 fotografie.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 settembre 2019 - 21:35
tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 28.09.2019)

La fotografia -oggi, ma non allora, ordinario strumento di lavoro per un grafico- è la vera protagonista di questa mostraLink esterno: Dudovich ne era autentico appassionato e la impiegò inizialmente, spiega il curatore Roberto Curci, per "costruire il personaggio di se stesso".

Gli servì in seguito, come dimostra il confronto con le idee abbozzate su bloc notes, per dare il linguaggio della moderna pubblicità ai cartelloni realizzati per grossi committenti: La Rinascente, Campari, Agfa e altri popolari marchi.

Contenuto esterno

La mostra 'Marcello Dudovich (1878–1962) e la fotografia', proposta nell'ambito della Biennale dell'immagineLink esterno, è visitabile al m.a.x. museo di Chiasso fino al 29 febbraio 2020.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.