La televisione svizzera per l’Italia

A sorpresa, la BNS alza i tassi d’interesse 

dettaglio facciata banca nazionale svizzera
Gli esperti non si aspettavano questa mossa prima di settembre. Keystone / Anthony Anex

La Banca Nazionale Svizzera (BNS) ha deciso di alzare i tassi d’interesse da -0,75% a -0,25% per contrastare l’inflazione. A questo annuncio la Borsa ha reagito con un brusco ribasso e il franco si è rafforzato. 

In pochi se lo aspettavano: dopo oltre sette anni, la Banca nazionale svizzera (BNS) ha deciso di voltare pagina e inasprire la sua politica monetaria. L’istituto centrale alza i tassi guida e i tassi d’interesse sugli averi a vista detenuti sui suoi conti di mezzo punto percentuale, passando da -0,75% a -0,25%, con una mossa che mira a contrastare l’accresciuta pressione inflazionistica. 

Contenuto esterno

La maggioranza degli analisti si attendeva un rialzo dei tassi solo da settembre, ma la banca centrale ha voluto già ora impedire che l’inflazione in Svizzera si diffonda maggiormente ai beni e ai servizi, dopo aver raggiunto in maggio il 2,9%. L’istituto, inoltre, non esclude che nei prossimi mesi si renderanno necessari ulteriori rialzi.   

Una sorpresa, ma non per tutti: tra chi se l’aspettava c’era il professore di economia Mauro Baranzini, che ai microfoni della Radiotelevisione della Svizzera italiana RSI ha definito la decisione della BNS in linea con quanto già fatto da altri istituti. Il franco svizzero, ha aggiunto, era in parità con il dollaro americano. I risultati si vedranno sul lungo termine, ha aggiunto. “La situazione migliorerà tra 3-4 anni”. Nei prossimi mesi, avverte, i tassi ipotecari continueranno a salire: “Chi vuole aprire un’ipoteca, si muova”.  

Contenuto esterno

Non solo la BNS 

La Federal Reserve statunitense è anch’essa intervenuta per contrastare la situazione economica globale, aumentando mercoledì di 0,75 punti percentuali il suo tasso d’interesse. Si tratta del maggiore incremento dal 1994 a oggi. Dal canto suo la Banca centrale europea (BCE) ha segnalato un primo ritocco in luglio e un secondo in settembre. 

Attualità

donna

Altri sviluppi

Più trasparenza nei mandati dei parlamentari? Non se ne fa nulla

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha respinto martedì una proposta che chiedeva maggiore trasparenza in merito alle attività accessorie dei parlamentari e delle parlamentari.

Di più Più trasparenza nei mandati dei parlamentari? Non se ne fa nulla
donald trump

Altri sviluppi

Trump verso il giorno del giudizio

Questo contenuto è stato pubblicato al Si avvicina il giorno del giudizio per Donald Trump nel caso pornostar: dopo oltre un mese di processo, mercoledì il giudice darà le istruzioni alla giuria prima che si ritiri in camera di consiglio. Una decisione è attesa entro fine settimana.

Di più Trump verso il giorno del giudizio
Papa francesco

Altri sviluppi

Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Papa si scusa sull'epiteto-shock riguardante i seminaristi gay, trapelato a distanza di una settimana dall'incontro a porte chiuse con i vescovi italiani in cui sarebbe stato pronunciato, e che ieri in un baleno ha fatto il giro del mondo.

Di più Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere
carro armato

Altri sviluppi

Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al Malgrado le condanne giunte da tutto il mondo dopo l'attacco di domenica notte, nel quale sono morti decine di civili, l'esercito israeliano prosegue le operazioni nel sud della Striscia di Gaza.

Di più Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Altri sviluppi

Un alunno su sei è in sovrappeso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il sovrappeso e l'obesità rimangono una sfida per i bambini e gli adolescenti. Secondo un monitoraggio che si riferisce all'anno scolastico 2022/23, un alunno su sei ha problemi con la bilancia.

Di più Un alunno su sei è in sovrappeso

Altri sviluppi

Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al Secondo un sondaggio in Svizzera quasi un terzo della popolazione ha già vissuto liti con il vicinato. I motivi più comuni sono l'eccesso di rumori, problemi con la lavanderia, infrazioni delle regole sui posteggi e diatribe riguardanti la proprietà di terreni.

Di più Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio
bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR