Navigation

Una 'nazione cablata' in mostra a Zurigo

Contenuto esterno

È in corso al Politecnico federale di Zurigo un'esposizione sui supercalcolatori, apparsi nell'ateneo ormai quasi quarant'anni fa. L'ETH ne acquistò tre per consentire a fisici e ingegneri di simulare i loro esperimenti, prima che fosse fondato un vero e proprio Centro svizzero di calcolo scientifico a Manno-Lugano.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2020 - 12:05

La simulazione è certamente preziosa in molti ambiti di ricerca, ad esempio climatico e medico. Ma fino a che punto l'avvento dei supercomputer ha influito sulle nostre vite e favorito lo sviluppo industriale e professionale?

La Radiotelevisione svizzera ha intervistato la storica Monika Dommann, curatrice della mostra 'Wired nation – Landschaft, Architektur, Infrastruktur' ("Nazione cablata – Paesaggio, architettura, infrastrutture", aperta fino al 12 dicembre in Schmelzbergstrasse 25) e autrice del libro 'Data centers. Edges of a wired nation ("Data center. Margini di una naziona cablata").

Il sitoLink esterno
La mostraLink esterno
Il libroLink esterno

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.