Navigation

'Cambia il tuo clima': la sostenibilità nasce dal basso

Il 18-19 novembre a Pedrinate laboratori e incontri su consumi consapevoli, alimentazione, autoproduzione

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 novembre 2016 - 21:10

Riparare, o regalare, anziché buttare; cenare a kilometro zero; produrre da sé detergenti, cosmetici e abiti: 'Cambia il tuo clima' non è solo un forum di discussione, ma anche un laboratorio dove si passa subito all'azione, per adottare comportamenti individuali sostenibili che, sommati, possano incidere sul futuro dell'ambiente.

Dopo una prima edizione a Chiasso –che ha attirato pubblico anche dall'Italia, specie per la conferenza del climatologo Luca Mercalli- quest'anno la due giorni si tiene venerdì 18 e sabato 19 novembre a Pedrinate, sempre sul confine con l'Italia, nei pressi di Drezzo (CO).

L'apertura è affidata al ‘Caffè riparazione', atelier dell'Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana (ACSI), dove è possibile portare i propri apparecchi elettrici di consumo guasti. Professionisti volontari valuteranno se è possibile ripararli, magari anche sul posto.

Tra gli ospiti, il regista di origine colombiana Riccardo Torres –che ha girato un documentario su contadini sudamericani espropriati delle proprie terre per fare spazio a multinazionali- e Stefania "Naturalmente Stefy" Rossini, che guiderà il pubblico all'autoproduzione di ecocosmetici, detergenti bio, ortaggi bio, pane, indumenti.

‘Cambia il tuo clima' sarà anche un'occasione per presentare la app ‘Regalo' –che serve a dare nuova vita agli oggetti che non si usano più- e per discutere dell'impatto sull'ambiente delle nostre scelte alimentari (conferenza col chimico ambientale Massimo Tettamanti).

Completano il programma della attività per i piccoli a cura del WWF, e due cene ‘a kilometro zero'.

Homepage della manifestazione: www.cambiailtuoclima.chLink esterno.

scarc

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.