Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Veto dell'UE Nessuna fusione Alstom-Siemens, delusione a Parigi e Berlino

L'antitrust dell'Unione Europea ha rifiutato mercoledì il processo di fusione tra Alstom e Siemens che avrebbe creato un gigante del settore ferroviario. La misura, sostenuta da Parigi e Berlino, avrebbe avuto anche l'obiettivo di contrastare la concorrenza internazionale, in particolare quella cinese. 

(1)

Servizio TG

Il ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire ha definito il veto di Bruxelles come "un errore economico e politico che indebolisce l'Europa". "Il ruolo della Commissione europea, delle istituzioni europee - ha proseguito Le Maire - è di difendere gli interessi economici e industriali europei".

Questa decisione, ha aggiunto, "impedisce ai due campioni della segnaletica e delle ferrovie, di fondersi per avere lo stesso peso del grande campione dell'industria cinese". Per il ministro francese, in Europa ci sono "regole obsolete che bisogna riformare".

Delusione anche a Berlino

"Prendiamo atto con rammarico della decisione", ha detto il portavoce della Cancelliera tedesca Angela Merkel, Steffen Seibert. "Il governo tedesco si impegna per modernizzare la legge sulla concorrenza e sui cartelli", ha continuato, facendo riferimento a una commissione che dovrà elaborare delle proposte.

Reclami

La decisione arriva dopo un'indagine approfondita da parte della Commissione sull'operazione che avrebbe permesso a Siemens e Alstom di mettere in comune le loro attività in una nuova società controllata esclusivamente da Siemens. Questa operazione avrebbe riunito i due maggiori fornitori di vari tipi di sistemi di segnalazione per ferrovie e metropolitane, nonché di materiale rotabile in Europa.

"La fusione avrebbe creato l'indiscusso leader di mercato in alcuni settori della segnaletica e un attore dominante nell'area dei treni ad altissima velocità. Avrebbe ridotto la concorrenza in queste due aree, limitando così la scelta di clienti, operatori ferroviari e gestori dell'infrastruttura ferroviaria", scrive Bruxelles.

Durante la sua indagine approfondita, la Commissione ha ricevuto una serie di reclami da parte di clienti, concorrenti, associazioni professionali e sindacati. Ha anche ricevuto commenti negativi di diverse autorità nazionali garanti della concorrenza nello Spazio economico europeo.

tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 06.02.2019)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box