Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Trasporto di persone Taxi in Ticino, tra concorrenza italiana e lotte interne

Il settore dei taxi nel cantone Ticino si trova tra l'incudine della concorrenza (italiana e interna) e il martello delle norme svizzere. Un "Far West"che la trasmissione della Radiotelevisione svizzera il Quotidiano esplora in questo approfondimento.

Segnale luminoso con scritta 'Taxi' sul tetto di un veicolo

La situazione di chi svolge questa professione è particolarmente critica a Lugano.

(RSI-SWI)


"Da Lugano a Zurigo posso farle 500 euro, però sul foglio di servizio devo far risultare che parto dall'Italia, ma quello è un problema mio". Quest'offerta di un tassista italiano contattato dalla Radiotelevisione svizzera è illecita. Gli sarebbe vietato effettuare trasporti interni in Svizzera, si tratta di cabotaggio. 

Una pratica sleale molto difficile da arginare per le autorità. Gli autisti italiani spesso viaggiano nel cantone senza segnale luminoso e sono difficili da individuare per la polizia. Anche in caso di controllo, data l'assenza del cronotachimetro (obbligatorio per i tassisti svizzeri), non è per nulla evidente stabilire se il trasporto sia lecito o meno.  

Paradossalmente, sono i tassisti regolari a essere oggetto di controlli frequenti e mirati. 

(1)

Approfondimento de il Quotidiano

Indipendentemente dalla nazionalità, i metodi usati per aggirare le regole sono molti. C'è ad esempio chi immatricola un veicolo per il trasporto di clienti di un'azienda che con i taxi non ha nulla a che fare e che poi, nella pratica, offre un servizio taxi abusivo. 

Alla concorrenza illegale si aggiunge quella legale dei frontalieri (a cui basta una casella postale per immatricolare un veicolo in Ticino) e, nel caso di Lugano, quella tra i detentori di diversi permessi. C'è chi ha diritto a sostare nei luoghi pubblici appositamente segnalati in attesa di clienti (autorizzazione di tipo A), e chi può lavorare solo su chiamata (tipo B). Ci sono poi gli indipendenti che lavorano su chiamata e non possono usufruire delle corsie preferenziali. 

La lotta è senza esclusione di colpi tra i molti tassisti che faticano a pagare le bollette alla fine del mese. Spesso si constatano abusi.  

Finora le autorità non sono riuscite ad arginare il fenomeno. Il tentativo municipale di abolire il sistema dei diversi tipi di autorizzazione qualche anno fa è stato bloccato dai detentori del permesso A che non volevano veder sparire i propri privilegi.  Una mozione che chiedeva di risolvere il problema a livello cantonale, invece, è finora rimasta lettera morta.  

tvsvizzera.it/Zz con RSI (Il Quotidiano del 11.03.2019)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box