Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Londra, 40 paesi al vertice anti-corruzione

L'intento è firmare la prima dichiarazione mondiale; una gaffe del promotore, Cameron, rischia di compometterne l'esito

È cominciato giovedì mattina a Londra il summit internazionale anti-corruzione promosso dal premier britannico David Cameron, con l'intento di firmare la prima dichiarazione mondiale contro la corruzione.

Sono 40 i Paesi presenti, tra cui la Svizzera, rappresentata dal capo della diplomazia Didier Burkhalter.

La vigilia dell'evento è però stata agitata dalle incaute dichiarazioni del primo ministro del Regno Unito, che in una conversazione ripresa dalle telecamere ha definito Afghanistan e Nigeria le due nazioni più corrotte al mondo.

Una gaffe diplomatica rischia di compromettere l'esito del summit mondiale anti-corruzione, iniziato giovedì mattina a Londra. Protagonista in negativo, lo stesso promotore dell'evento, David Cameron.

Durante il ricevimento della vigilia a Buckingham Palace il Premier - forse non accorgendosi di essere ripreso dalle telecamere - è stato fin troppo esplicito rivolgendosi alla Regina.

"Abbiamo avuto un consiglio dei ministri molto positivo questa mattina, abbiamo parlato dell'imminente summit anti-corruzione. Ci saranno anche i nigeriani… avremo alcuni leader di nazioni che sono fantasticamente corrotte. Come la Nigeria e l'Afghanistan, probabilmente le due nazioni più corrotte al mondo".

Poche ore più tardi lo stesso Cameron ha cercato di rimediare: parlando alla Camera dei Comuni ha elogiato gli sforzi degli attuali governi dei due paesi.

"I leader di Nigeria e Afghanistan stanno lottando duramente contro i sistemi di corruzione nei loro paesi", ha detto, "e hanno compiuto passi importanti. È per questo che sono felice di accoglierli al summit".

Se le autorità afghane hanno preferito evitare ulteriori commenti, la delegazione del presidente nigeriano Muhammadu Buhari si è detta "profondamente scioccata e imbarazzata" dalle parole del Primo ministro britannico.

"Non ho intenzione di pretendere le scuse da nessuno", ha dichiarato Buhari. "Quello che chiederò piuttosto è di riavere gli asset sequestrati dalle autorità britanniche".

Circa 40 leader mondiali si sono dati appuntamenti a Londra per lanciare una grande offensiva internazionale contro la corruzione. Poche settimane dopo lo scandalo dei Panama Papers, che aveva coinvolto lo stesso Cameron. Per il Premier l'imbarazzo continua..

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×