Navigation

Svizzera ed Europa, quale futuro?

Contenuto esterno

Il 27 settembre la Svizzera sarà chiamata un'altra volta a decidere il futuro dei suoi controversi rapporti con l’Unione Europea.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 agosto 2020 - 10:22
Roberto von Flüe e Marco Dalla Fiore, RSI

L’iniziativa “per un’immigrazione moderata” lanciata da UDC e ASNI ha lo scopo di rimettere in discussione la libera circolazione delle persone e gli accordi bilaterali con sottoscritti con l'UE.

Per le due formazioni di destra Berna deve tornare a controllare i flussi migratori, anche nei confronti dei cittadini comunitari.

L'eventuale accettazione alle urne della proposta pone però una serie di interrogativi. In particolare riguardo alle conseguenze nelle relazione Berna-Bruxelles.

Ma dai contrari vengono paventati anche contraccolpi sull'economia elvetica, orientata in buona parte verso l'esportazione, che sarebbe inevitabilmente penalizzata sul mercato unico europeo.

Tutti questi temi vengono approfonditi da Falò, il settimanale di informazione della Radiotelevisione Svizzera RSI.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.