Un fiore "petaloso", la Crusca approva

Il compito del ragazzo e, nel montaggio, la risposta dell'Accademia della Crusca

twitter/web/mad

L'aggettivo inventato da Matteo, alunno di terza in una scuola elementare in provincia di Ferrara, è stato accolto e difeso dall'Accademia

L'aggettivo "petaloso", inventato da Matteo, un bambino di terza elementare durante un esercizio sugli aggettivi in una scuola in provincia di Ferrara, è stato accolto e difeso dall'Accademia della Crusca.

"La parola, benché inesistente, mi è piaciuta, così ho suggerito di inviarla all'Accademia della Crusca per una valutazione — ha spiegato Margherita Aurora, la docente —. Il 16 febbraio abbiamo ricevuto la risposta, precisa ed esauriente".

#petalosoLink esterno, le nuove parole e l'@AccademiaCruscaLink esterno:Paolo D'Achille e Maria Cristina Torchia qui https://t.co/SzdeMK4hBuLink esterno pic.twitter.com/s8UAzLJ04ELink esterno

— Rai Radio3 (@Radio3tweet) 24 febbraio 2016Link esterno

Fine della citazione


"La parola che hai inventato — si legge nella missiva — è ben formata e potrebbe essere usata così come altre formate nello stesso modo: pelo+oso, peloso, pieno di peli, con tanti peli e ancora coraggio+oso, coraggioso, pieno di coraggio".

"La tua parola è bella e chiara — conclude l'istituzione —. Ma sai come fa una parola ad entrare nel vocabolario? Bisogna che la usino tante persone". E infatti sulle reti sociali impazza #petaloso, ora in "trend topic".

ATS/px

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Parole chiave