Navigation

Zimbabwe, si è dimesso Robert Mugabe

Contenuto esterno


Il presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe ha rassegnato le dimissioni martedì, con una lettera inviata allo speaker del Parlamento, come previsto dalla Costituzione. La missiva è giunta alle Camere mentre era già in corso la procedura di destituzione dell'anziano capo di Stato.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 novembre 2017 - 21:10
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 21.11.2017)

L’ex vicepresidente Emmerson Mnangagwa, silurato dal clan di Mugabe nelle scorse settimane, rileverà il posto di presidente entro 48 ore: lo ha riferito una fonte ufficiale del partito di governo Zanu-Pf.

La letturaLink esterno delle dimissioni all’Assemblea nazionale, dopo 37 anni al potere e una settimana di caos nello Zimbabwe, ha scatenato gli applausi all’interno del Parlamento e i festeggiamenti per le strade della capitale Harare.

Robert Mugabe ha dunque ceduto alle pressioni dei militariLink esterno, di Zanu-Pf Link esternoe del Paese: "La decisione è stata motivata dal mio desiderio di assicurare un trasferimento di potere senza intoppi, pacifico e non violento".

Dopo l’intervento dell’esercito, una settimana fa, il più anziano capo di Stato al mondo (93 anni) era stato messo agli arresti domiciliari e aveva man mano perso i suoi sostenitori.

Un tempo eroe della guerra d’indipendenza, termina il suo mandato con la fama di dittatore che ha imbavagliato l’opposizione e con l’accusa di aver rovinato l’economia.

Deputati e senatori, martedì, erano riuniti in un congresso straordinario per discutere una mozione di impeachment.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.