Tassa di collegamento E così il Ticino tasserà i parcheggi, ma dal 2022

Parcheggio fotografato da un drone; auto di vario colore, piante e aiuole

La tassa ammonterà a 3,50 CHF al giorno per ogni posto aziendale, 1,50 CHF a parcheggio nei centri commerciali.

RSI-SWI

Il Tribunale federale, la massima istanza giudiziaria svizzera, ha pubblicato venerdì le motivazioni sulla base delle quali lo scorso aprile ha respinto i 19 ricorsi che pendevano sulla nota 'Tassa di collegamento', che sarà introdotta in Ticino al più presto nel 2022 e graverà sui parcheggi delle aziende e dei centri commerciali.

Claudio Zali -direttore del Dipartimento del territorio del Canton Ticino, che ha voluto la tassa- per il momento non commenta: i giuristi del cantone stanno ancora analizzando le 18 pagine di motivazioni.

Zali e il suo staff possono però ora completare l'incarto -rivalutando in particolare il numero di posti auto esentasse- e proporre una data di entrata in vigore della tassa al Consiglio di Stato (governo cantonale), che si esprimerà entro il 19 agosto.

Tassa di collegamento - cronologia
Novembre 2015: il Governo propone la relativa modifica della Legge sui trasporti pubblici
Dicembre 2015: il Parlamento la approva
Giugno 2016: una votazione popolare la conferma, seppure di misura (50,7%)
Settembre 2016: Il Tribunale federale concede l'effetto sospensivo ai 19 ricorsi
Aprile 2020: il TF respinge i ricorsi

Fine della finestrella

Confermati importi e intenti

È confermato che il tributo non sarà retroattivo e che, per non pesare sull'economia già provata dalla crisi innescata dal coronavirus, non entrerà in vigore prima del 2022.

Confermate, dal Tribunale federale, anche le tariffe: 3 franchi e 50 centesimi al giorno per ogni parcheggio aziendale e 1 franco e 50 al giorno per ogni posteggio dei centri commerciali destinato ai clienti (sui posti auto dei dipendenti vige la tariffa aziendale).

I giudici di Losanna hanno respinto la tesi di alcuni ricorrenti, che ritenevano si trattasse di una tassa il cui unico scopo è procurare incassi. Richiamano tuttavia l'attenzione del Governo sul fatto che gli obiettivi (contrastare l'inquinamento atmosferico e la saturazione della rete viaria) dovranno essere raggiunti.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.


Parole chiave