Navigation

Come nasce una pietra da curling

È in Scozia, in una piccola azienda a conduzione familiare, che vengono fabbricate le 'stones' più performanti. La visitiamo insieme al TG della Radiotelevisione svizzera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 marzo 2016 - 14:12

Ailsa Craig, in italiano "la pietra di Elisabetta", è una piccola isola scozzese da dove si ricava il granito usato per fabbricare le pietre da curling. Da un secolo, una piccola azienda a conduzione familiare fornisce tonnellate di granito verde e blu alla fabbrica di Mauchline, in Scozia.

È qui che comincia il lavoro. Prima tappa: tagliare il granito verde, parte essenziale della pietra. Seconda tappa: applicare alle due estremità uno strato di granito blu molto fine e impermeabile, fondamentale per scivolare al meglio. Assemblare i due graniti diversi è dunque la formula magica della rinomata fabbrica di Mauchline.

Una pietra da curling pesa 18 chili e 100 grammi. La precisione del peso dipende da un lavoro di fabbricazione molto minuzioso. La lucidatura è un elemento importantissimo che richiede una precisione millimetrica, solo così la pietra scivola alla perfezione.

Le Kays of Scotland [cfr. video] sono le migliori al mondo. L'orgoglio del titolare Bill Hunter è legittimo: "Siamo molto fieri. Abbiamo concepito e realizzato queste pietre di curling che scivolano sul ghiaccio in modo unico."

Una pietra come questa costa mille franchi. La garanzia dura ben un secolo!

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?