Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Solo musica per Paolo Conte

Venerdì è uscito in tutto il mondo "Amazing Game", il primo disco tutto strumentale del cantautore astigiano

"Questo repertorio è costituito da registrazioni effettuate in epoche diverse dagli anni ‘90 a oggi – commenta Paolo Conte – per colonne sonore di pièce teatrali e a scopo di studio e sperimentazione, che escono dai cassetti dove li custodivo con cara devozione. C'è dentro molta scrittura e anche molta improvvisazione."

"Amazing Game" raccoglie ventitré brani strumentali provenienti da registrazioni avvenute in periodi differenti. Dodici (da "Pomeriggio Zenzero" a "The Bridge") furono commissionati dalla Regione Liguria per commemorare il centenario della nascita di Eugenio Montale; cinque (da "Rumbomania" a "Gli Amici Manichini") furono composti per una pièce teatrale mai andata in scena dal titolo "Gli Amici Manichini"; "Sirat Al Bunduqiyyah" è stato registrato per la pièce teatrale "Corto Maltese" in collaborazione con l'Orchestra Sinfonica delle Marche sotto la direzione di Daniele Di Gregorio mentre "Changes All In Your Arms" era stato composto inizialmente per il disco "Razmataz".

Con il disco, il sedicesimo della sua straordinaria carriera, Paolo Conte apre anche l'ennesima tournèe, le cui date già stabilite per ora sono il 22-23 ottobre all'Auditorium della Conciliazione a Roma; 29 ottobre a Brescia; l'11-12 novembre al Teatro degli Arcimboldi di Milano; il 12 dicembre al Teatro Regio di Torino; l'11-12 febbraio alla Philharmonie di Parigi; e il 25 febbraio alla Elbphilharmonie ad Amburgo.

Claudio Moschin ha incontrato Paolo Conte a Milano.

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×