Navigation

Cordelia, dalla Svizzera alla pietra

Certe volte il destino sembra scherzare con i nomi. Così dice sempre Cordelia von den Steinen, famosa scultrice, scenografa e costumista svizzera, nata a Basilea e vedova di uno dei più grandi scultori italiani, Pietro Cascella. Dalla fine degli anni Settanta la casa di Cornelia è in Italia, proprio in un grigio maniero di pietra, il Castello della Verrucola a Fivizzano, un piccolo borgo della Lunigiana (in provincia di Massa Carrara). 

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 agosto 2017 - 10:58
Claudio Moschin

La residenza è perfetta, visto che il cognome "von den Steinen" significa proprio “dalle pietre". Ma non è tutto: con il marito (che, va ricordato, si chiamava Pietro e “lavorava” la pietra…) lei aveva lo studio anche nel borgo toscano di Pietrasanta.

Insomma, la parola pietra sembra essere dappertutto nella sua vita. Ma entrando nel castello della Verrucola, che è come perdersi in un susseguirsi di stanze e di scale, di ricordi e di opere, si scopre che la scultrice svizzera crea non con la pietra ma usando la terracotta e la creta. Dalle sue mani escono figure che raccontano le nostre vicende, i nostri desideri, le nostre fatiche e, insieme, si caricano di meraviglia. Come tante opere di un piccolo teatro, in cui comparse e protagonisti si muovono in un’atmosfera fiabesca.

Tantissime le mostre realizzate con queste opere, sia in Italia e sia all’estero. Noi siamo stati nel castello della Verrucola, il suo studio-rifugio, accompagnati per l’occasione dal fotografo Claudio Barontini, di cui si tiene fino al 17 settembre al Castello di Lerici (La Spezia) una grande mostra di ritratti in bianco e nero Link esterno(con un angolo speciale dedicato, giustamente, proprio a Pietro Cascella e a Cordelia von den Steinen).

Un fotografo che per decenni ha incontrato centinaia di personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo, e che ha documentato per immagini, in diversi libri, tutta la vita artistica dell’uno, Pietro, e dell’altra, Cordelia.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.