Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Archeologia virtuale La Zurigo pre-Riforma ricostruita al computer

Immagine di una strada di Zurigo con sovrapposta, in semitrasparenza, la ricostruzione di un'abbazia

Questa abbazia è uno dei 28 edifici religiosi che non esistono più.

(RSI-SWI)

La riforma protestante, 500 anni fa, non portò solo mutamenti spirituali, politici e sociali. La confisca degli edifici religiosi ebbe un impatto sui paesaggi urbani. Come a Zurigo, dove il servizio archeologicoLink esterno della città fa rinascere (ma solo in digitale) chiese e conventi.

Là dove oggi ci sono un autosilo e un'ampia strada che collega le rive del fiume Limmat, nel Medioevo c'era il monastero di Oetenbach, "un imponente monastero di domenicane", spiega l'archeologo Dölf Wild. 

"Un'abbazia molto ricca, anche se di un ordine mendicante. Una contraddizione, tipica di questi monasteri medievali, che contribuì alla sua chiusura durante la Riforma."

Non che i riformati abbiano distrutto l'edificio; lo impiegarono come deposito per il grano, orfanotrofio, prigione. Ma la nuova destinazione non ne favorì la conservazione, e il complesso fu raso al suolo un secolo fa.  

(1)

Servizio del TG sull'esposizione dedicata alla Zurigo pre-Riforma dal Servizio archeologico della Città

La città di Zurigo dedica un'esposizioneLink esterno alla storia di 28 edifici scomparsi. Sono quelli di cui è stata trovata traccia.

Alcune cappelle, conventi o monasteri -chiusi nel 1524- furono distrutti anche subito. Nel servizio, Dörf Wild spiega come si è potuto ricostruirne l'aspetto.

tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 18.08.2018)

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box