Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

«Guarire senza chemio» Cancro, inchiesta di Falò smaschera i guaritori seguaci di Hamer

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

«Il cancro non fa male». Questa è la base delle promesse di guarigioni miracolose proposte dai seguaci dell’ex medico tedesco Hamer secondo cui il tumore è utile e curabile con la sola risoluzione del conflitto interiore che l’avrebbe generato. Teorie senza alcuna base scientifica alle quali oggi è data vita grazie ad una rete ben organizzata che coinvolge anche medici. Convegni in tutto il mondo, formazioni e sedute di “cura “: un business che specula sui malati.

Da trent’anni ai vertici di questa organizzazione c’è un sedicente terapeuta svizzero, Mark Pfister, che opera in Ticino e in Italia.

L’inchiesta di Falò ha raccolto le testimonianze dei famigliari delle vittime, malati di cancro convinti a non curarsi. Morti che rimangono senza giustizia in quanto l’organizzazione fa leva sulla libera scelta del paziente di rifiutare le cure.

Allora per svelarne i meccanismi, una giornalista di Falò è stata in cura da Mark Pfister con una diagnosi di cancro grave. È stato documentato un mondo di bugie: il cancro non fa male, le metastasi non esistono e anzi sarebbero “leggende metropolitane”. I tumori sono solo cicatrici dovute alla risoluzione di un conflitto e i tumori al collo dell’utero sarebbero dovuti a frustrazione sessuale.

Ma non solo “cure” per il cancro, viene proposta letteralmente una medicina alla rovescia con tanto di libri e presunte prove scientifiche. In questa visione i medici ufficiali diventano ciarlatani e la medicina un complotto di potere.

La diffusione di queste teorie che cavalca la sfiducia nella medicina ufficiale e si avvale di internet come cassa di risonanza, è grande. Lo dimostra il caso di cronaca da cui parte l’inchiesta.

Eleonora Bottaro, 17 anni, rifiuta la chemioterapia e muore per una leucemia altamente guaribile. La famiglia approda anche in Svizzera per tentare di sottrarsi alle pressioni dei tribunali italiani ma nemmeno gli oncologi dell’Eoc di Bellinzona riescono a convincerla a curarsi. Poco chiara appare invece la posizione dei medici della clinica di cure naturali “Paracelsus Al Ronc” nei Grigioni. Rifiutano di rispondere sui trattamenti proposti e non chiariscono se abbiano tentato o meno di informare Eleonora sulla necessità della chemioterapia.

La famiglia credeva nelle teorie di Hamer e seguiva le teorie diffuse da Mark Pfister. Mettendole in pratica di propria iniziativa i genitori di Eleonora ne hanno pagato il prezzo più alto.

subscription form

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

 

×