Navigation

I tagli di ieri pesano sulla ricerca di oggi

Se le passate epidemie di Sars e Mers fossero state prese maggiormente sul serio, non si sarebbe partiti da zero nella ricerca di cure contro il Covid-19. È quanto sostiene un ricercatore in nanomedicina del Politecnico federale di Losanna EPFL il quale, superate le difficoltà di trovare finanziamenti, sta lavorando a un antivirale ad ampio spettro.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 aprile 2020 - 10:15
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 26.04.2020)
In questi giorni, il Politecnico federale di Losanna è insolitamente deserto. Keystone / Jean-christophe Bott

Il servizio della Radiotelevisione svizzera RSI mostra un ateneo quasi deserto: dove solitamente si contano centinaia di studenti, sono soltanto 12 i laboratori rimasti aperti, tutti attivi su progetti legati al coronavirus.

Come quello di Francesco StellacciLink esterno -laurea al Politecnico di Milano, dottorato negli Stati Uniti e ora professore all'EPFL- che promette un farmaco che possa sconfiggere non solo il SARS-CoV-2 ma diverse tipologie di virus. 

Una ricerca per la quale, rivela, ha faticato a trovare i fondi poiché si considerava che un antivirale ad ampio spettro non servisse.
 
Al di là delle vicende del suo laboratorio, secondo Stellacci l'intera ricerca è in ritardo poiché sono stati abbandonati troppo presto gli studi scaturiti dalle epidemie precedenti, per investire su altro. "Si è dovuti ripartire da zero".




Contenuto esterno
Contenuto esterno


Gli studenti dell'EPFL, per inciso, non torneranno in aula prima dell'autunno. I corsi di questo semestre termineranno online e gli esami di giugno si svolgeranno tra il 3 e il 28 agosto. A causa della situazione attuale, la direzione ha pure indicato che gli studenti potranno rinunciare a presentarsi agli esami di una materia fino al 24 luglio, senza che questo comporti una bocciatura, e sarà possibile prolungare di un anno la durata degli studi.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.