Coronavirus e studi I tagli di ieri pesano sulla ricerca di oggi

Se le passate epidemie di Sars e Mers fossero state prese maggiormente sul serio, non si sarebbe partiti da zero nella ricerca di cure contro il Covid-19. È quanto sostiene un ricercatore in nanomedicina del Politecnico federale di Losanna EPFL il quale, superate le difficoltà di trovare finanziamenti, sta lavorando a un antivirale ad ampio spettro.

Edificio a forma ondulata circondato da un parco con l effige EPFL; in primo piano, piloni d acciao

In questi giorni, il Politecnico federale di Losanna è insolitamente deserto.

Keystone / Jean-christophe Bott

Il servizio della Radiotelevisione svizzera RSI mostra un ateneo quasi deserto: dove solitamente si contano centinaia di studenti, sono soltanto 12 i laboratori rimasti aperti, tutti attivi su progetti legati al coronavirus.

Come quello di Francesco StellacciLink esterno -laurea al Politecnico di Milano, dottorato negli Stati Uniti e ora professore all'EPFL- che promette un farmaco che possa sconfiggere non solo il SARS-CoV-2 ma diverse tipologie di virus. 

Una ricerca per la quale, rivela, ha faticato a trovare i fondi poiché si considerava che un antivirale ad ampio spettro non servisse.
 
Al di là delle vicende del suo laboratorio, secondo Stellacci l'intera ricerca è in ritardo poiché sono stati abbandonati troppo presto gli studi scaturiti dalle epidemie precedenti, per investire su altro. "Si è dovuti ripartire da zero".




Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.


Gli studenti dell'EPFL, per inciso, non torneranno in aula prima dell'autunno. I corsi di questo semestre termineranno online e gli esami di giugno si svolgeranno tra il 3 e il 28 agosto. A causa della situazione attuale, la direzione ha pure indicato che gli studenti potranno rinunciare a presentarsi agli esami di una materia fino al 24 luglio, senza che questo comporti una bocciatura, e sarà possibile prolungare di un anno la durata degli studi.

Fine della finestrella

Parole chiave