La televisione svizzera per l’Italia

Zuffa a Palazzo federale, Beat Jans difende le azioni degli agenti

Thomas Aeschi
Il principale coinvolto nella rissa è il presidente del gruppo parlamentare dell'UDC Thomas Aeschi. Keystone / Peter Klaunzer

"I parlamentari avrebbero dovuto attenersi alle istruzioni della polizia": il consigliere federale Beat Jans ha difeso l'operato degli agenti che hanno bloccato i due deputati democentristi che hanno cercato di accedere a un'area momentaneamente bloccata.

Dopo la breve zuffa avvenuta mercoledì all’interno di Palazzo federale tra due deputati e la polizia, giovedì si è espresso per la prima volta anche il responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) Beat Jans, attualmente impegnato a Lussemburgo in una riunione tra ministri dell’UE, alla quale era invitata anche la Svizzera.

“I parlamentari avrebbero dovuto semplicemente utilizzare un’altra scala, e attenersi in tal modo alle istruzioni della polizia”, ha commentato il ministro.

Il responsabile del DFGP ha colto l’occasione per ringraziare le forze di sicurezza interessate, che a causa dell’imminente conferenza di pace sul Bürgenstock sono “estremamente sollecitate”.

Cosa è successo

Mercoledì, durante la visita a Berna del presidente del Parlamento ucraino Ruslan Stefanchuk, è scoppiata una breve colluttazione tra il consigliere nazionale democentrista Thomas Aeschi e alcuni agenti di polizia di guardia a Palazzo federale. Coinvolto nella breve zuffa è stato anche il collega di partito Michael Graber.

+ Zuffa tra un eletto e la polizia a Palazzo federale

Aeschi – presidente del gruppo parlamentare dell’UDC – si era rifiutato di rispettare le disposizioni dei poliziotti appostati sulle gradinate dell’atrio di Palazzo federale ed è stato prontamente respinto dagli agenti.

“Quando qualcuno viene in visita dall’Ucraina, da un Paese in guerra, il livello di sicurezza è alto. Il dispositivo messo in atto [mercoledì], a mio avviso, era necessario”, ha dichiarato il consigliere federale. “Se ciò avesse realmente ostacolato l’attività parlamentare, allora ne avremmo potuto discutere”, ha concluso Jans.

Attualità

Container al porto fluviale di Basilea.

Altri sviluppi

Ripresa del commercio estero svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo un inizio d'anno poco dinamico le esportazioni sono tornate a crescere con vigore nel secondo trimestre.

Di più Ripresa del commercio estero svizzero
Il Tribunale penale federale a Bellinzona.

Altri sviluppi

Algerino rinviato a giudizio per terrorismo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Procura federale il presunto militante dello Stato Islamico (ISIS), la cui domanda d'asilo in Svizzera era stata respinta, progettava un attentato in Francia.

Di più Algerino rinviato a giudizio per terrorismo
Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra
prigionieri di guerra salgono su un bus.

Altri sviluppi

Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

Questo contenuto è stato pubblicato al Russia e Ucraina hanno liberato 95 prigionieri di guerra a testa, a meno di un mese dal precedente scambio.

Di più Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev
La capsula Sarco per l'eutanasia assistita.

Altri sviluppi

Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno

Questo contenuto è stato pubblicato al Una nuova associazione di aiuto al suicidio, The Last Resort, ha presentato ufficialmente oggi la capsula per suicidio Sarco. Ma polemiche e dubbi non mancano.

Di più Capsula per suicidio Sarco: primo impiego entro l’anno
Veduta del piccolo villaggio di Chaux-du-Milieu

Altri sviluppi

“Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu

Questo contenuto è stato pubblicato al Il piccolo comune neocastellano ha deciso di porre un freno all'arrivo di nuove famiglie sul suo territorio poiché la presenza di molti bambini e bambine sta creando insolubili problemi alle casse pubbliche.

Di più “Troppi bimbi”, stop alle nuove famiglie a Chaux-du-Milieu
Area Schengen in un aeroporto UE.

Altri sviluppi

Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La dotazione globale del fondo per il presidio dei confini UE è di 6,2 miliardi di euro, di cui una cinquantina torneranno nella Confederazione per l'implementazione dei nuovi sistemi di informazione e scambio dati.

Di più Frontiere Schengen, 300 milioni dalla Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR