Navigation

Yemen, accordi di pace ancora lontani

Concluse con un nulla di fatto le trattative per un percorso di pace del paese

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 dicembre 2015 - 20:33

Dopo sei giorni di colloqui a Macolin (Berna), si è chiuso domenica con un nulla di fatto il negoziato per un cessate il fuoco permanente nello Yemen. Le parti si sono impegnate a proseguire nelle trattative e il mediatore dell'Onu, Ismail Ould Cheikh Ahmed, ha detto che una nuova sessione di incontri è convocata per il prossimo 14 gennaio.

"Abbiamo fatto progressi notevoli ma insufficienti", ha affermato il diplomatico nel fare il punto dei colloqui tra rappresentanti del governo yemenita internazionalmente riconosciuti e dei ribelli.

Si è convenuto di istituire una "commissione di contatto e distensione" formata da consiglieri militari delle due parti con la supervisione delle Nazioni Unite al fine di individuare alcune misure per favorire un clima di fiducia e dialogo, quali il rilascio di prigionieri di guerra e di detenuti politici.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.