Navigation

La bicicletta entrerà nella Costituzione svizzera?

Sempre più popolare in Svizzera anche grazie alla diffusione delle e-bike, la bicicletta potrebbe presto entrare nella Costituzione e la creazione di piste ciclabili incoraggiata così come quella di sentieri e percorsi pedonali. Il progetto del governo che sarà sottoposto a votazione il prossimo 23 settembre dovrebbe dare a Berna la possibilità (ma non il dovere) di rivalorizzare il traffico su due ruote. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 luglio 2018 - 21:08
tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 02.07.2018)
Contenuto esterno



Il testo su cui si pronuncerà il popolo è l'alternativa proposta dal governo all'iniziativa popolare Pro VeloLink esterno. Incoraggia la creazione di piste ciclabili in Svizzera, ma senza obblighi per i comuni e i cantoni, come invece chiedeva l'iniziativa. I promotori hanno deciso di ritirarla in quanto soddisfatti del progetto del governo.  

Quest'ultimo riprende comunque l'obiettivo principale dell'iniziativa: promuovere l'uso della bici, realizzando un maggior numero di piste ciclabili.

Il principale difetto dell'iniziativa, avevano spiegato le due camere del Parlamento, era appunto che "obbligava" la Confederazione a sostenere i cantoni nella realizzazione e manutenzione di sentieri, percorsi pedonali e piste ciclabili.

L'articolo costituzionale attuale che promuove sentieri e percorsi pedonali prevede soltanto che la Confederazione "possa" sostenere la costruzione di simili reti. Si tratta per il Parlamento di preservare l'autonomia cantonale in materia lasciando alla Confederazione il compito di emanare principi generali sulle reti di sentieri, percorsi pedonali e piste ciclabili. 

Più sicurezza necessaria

La bicicletta è sempre più popolare in Svizzera. Almeno due terzi delle famiglie ne possiede almeno una, utilizzata nel tempo libero o per recarsi al lavoro. Le bici elettriche hanno accentuato questa tendenza. 

Con la loro diffusione sono però aumentati anche gli incidenti. Le biciclette sono state il solo mezzo di trasporto per il quale sono aumentati i morti e i feriti. Il 27% in più dal 2000, mentre quelli in automobile sono diminuiti del 34%.  

Oltre a rendere più sicure le strade, le piste ciclabili permetterebbero anche di ridurre i consumi in un paese dove quasi l'80% degli spostamenti in bus e tram e il 50% di quelli in automobile è fatto su una distanza inferiore ai 5 chilometri.  

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.