La televisione svizzera per l’Italia

UBS, raccolta firme per nazionalizzarla

Logo di UBS e Credit suisse su un edificio a Zurigo.
"Too big to fail"? Il peso finanziario di UBS dopo la fusione suscita preoccupazione. © Keystone / Michael Buholzer

Un'iniziativa popolare chiede di votare sulla nazionalizzazione parziale del gruppo UBS.

La cosiddetta iniziativa per le banche propone di modificare la Costituzione svizzera per affermare il principio che “le grandi banche di importanza sistemica devono essere gestite come società per azioni con la Confederazione come azionista di maggioranza in termini di capitale sociale”, secondo il sito web dell’iniziativa.

Il testo è attualmente all’esame delle autorità federali. Se verrà approvato, il comitato promotore avrà 18 mesi di tempo per raccogliere 100’000 firme a favore. Il Parlamento e il Governo dovranno poi esprimersi, prima che la questione possa essere sottoposta a votazione nazionale, un processo che probabilmente richiederà diversi anni. Le iniziative popolari sono una parte fondamentale del sistema svizzero di democrazia diretta. Anche laddove non hanno successo, spesso finiscono per influenzare il dibattito pubblico.

Too big to fail?

Dopo l’acquisizione dell’ex rivale Credit Suisse, gli attivi di UBS rappresentano ora circa il doppio dell’intera economia svizzera. Questo ha sollevato il timore che la banca sia troppo grande per essere salvata. UBS “è un rischio per la nostra economia”, ha dichiarato al settimanale SonntagsZeitung Bernhard Schmidt, il 58enne preside di una scuola vicino a Zurigo che guida l’iniziativa. “Alla prossima crisi, l’intero Paese potrebbe fallire”.

Finora il comitato dell’iniziativa è composto esclusivamente da amici e familiari di Schmidt, ha spiegato il giornale, ma il promotore spera che sostenitori e donatori si uniscano alla causa.

Una portavoce di UBS non ha voluto commentare.

Attualità

Medico e paziente

Altri sviluppi

Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario

Questo contenuto è stato pubblicato al Considerate ormai obsolete, le tariffe per le cure ambulatoriali in vigore dal 2004 (TARMED) saranno sostituite nel 2026 dalla nuova struttura tariffale per singola prestazione TARDOC e da una struttura tariffale con importi forfettari.

Di più Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario
Rösti nel corso della conferenza stampa del Governo.

Altri sviluppi

“Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”

Questo contenuto è stato pubblicato al Come compromesso all'iniziativa popolare che chiede un abbassamento della quota da destinare al servizio pubblico radiotelevisivo svizzero, il Consiglio federale propone di scendere a 300 franchi.

Di più “Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”
Combattenti di Hezbollah.

Altri sviluppi

Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano

Questo contenuto è stato pubblicato al Cresce il timore di uno scontro totale imminente tra Israele e gli Hezbollah libanesi, con conseguenze difficili da prevedere.

Di più Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano
L'entrata di una filiale della banca UBS in Ticino.

Altri sviluppi

L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza

Questo contenuto è stato pubblicato al La concorrenza in ambito bancario in Svizzera non è stata minacciata dall'acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS. È quanto comunica l'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari al termine della sua procedura di controllo.

Di più L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza
Parco solare di St. Imier.

Altri sviluppi

Transizione energetica, la Svizzera tra i Paesi più virtuosi

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel campo della transazione energetica, la Svizzera si piazza al quarto rango mondiale. Meglio della Confederazione lo fanno solo tre Paesi nordici, Svezia, Danimarca e Finlandia.

Di più Transizione energetica, la Svizzera tra i Paesi più virtuosi
Il procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler

Altri sviluppi

Maggior peso al controspionaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al È il pensiero del procuratore generale della Confederazione. La minaccia per la Svizzera derivante dallo spionaggio straniero, in particolare russo e cinese, resta elevata.

Di più Maggior peso al controspionaggio
Naufragio del 17 giugno 2023 al largo della Calabria.

Altri sviluppi

Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore

Questo contenuto è stato pubblicato al Le tragedie hanno causato la morte di almeno 16 persone. Un numero molto approssimativo perché - stando alle testimonianze - i dispersi sarebbero decine.

Di più Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore
soldati svizzeri

Altri sviluppi

Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo la Commissione delle finanze, anche quella della politica di sicurezza del Nazionale è a favore di un aumento di ulteriori 4 miliardi di franchi per il periodo 2025-2028.

Di più Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR