Navigation

UBS indagata in Francia secondo la stampa transalpina

Gli inquirenti avrebbero individuato 38'000 conti di evasori fiscali gestiti dalla banca elvetica, che nega il suo coinvolgimento

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 gennaio 2016 - 21:53

L'UBS è ancora nel mirino delle autorità francesi, secondo quanto riporta il settimanale transalpino Le Point. La principale banca elvetica, stando alle rivelazioni della stampa, sarebbe al centro di una vasta inchiesta giudiziaria per presunta evasione fiscale da parte di diversi clienti francesi.

Secondo gli inquirenti l'UBS avrebbe gestito a partire dal 2008 quasi 40'000 conti bancari in nero riconducibili a contribuenti inadempienti per una somma totale di 12 miliardi di euro.

Da parte sua la banca, che nel 2013 ha pagato una cauzione di 1,3 miliardi di franchi in relazione a un'indagine per riciclaggio e frode fiscale condotta dai magistrati francesi, ha dichiarato la sua totale estraneità alla vicenda.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.