La televisione svizzera per l’Italia

UBS-Credit Suisse: 3’000 posti tagliati, ma è l’albero che nasconde la foresta

Credit Suisse
Quando Credit Suisse sarà completamente assorbito da UBS, la nuova entità avrà migliaia di dipendenti in meno. Keystone / Steffen Schmidt

Entro il 2026 il marchio Credit Suisse apparterrà al passato. Il taglio di 3'000 posti di lavoro va ad aggiungersi a un'emorragia iniziata dopo la crisi finanziaria del 2008.

UBS ha illustrato giovedì alcune delle dolorose misure previste per cercare di risparmiare 10 miliardi di dollari (8,8 miliardi di franchi) nell’ambito dell’integrazione di Credit Suisse. Una di queste è il taglio di 3’000 posti di lavoro. Ma la soppressione di impieghi è iniziata già alcuni mesi fa, quando Credit Suisse ha cercato di riportare su una rotta più tranquilla una nave che stava andando alla deriva.

Altri sviluppi

Lo scorso ottobre, la seconda banca svizzera aveva infatti annunciato un importante piano di ristrutturazione che avrebbe comportato la perdita di 9’000 posti di lavoro. Ma è stato troppo poco e troppo tardi, tanto che a marzo Credit Suisse è stato venduto a UBS.

“Non si è trattato solo di un problema di liquidità. Il modello di business e il business mix di Credit Suisse erano profondamente sbagliati e la sua reputazione gravemente danneggiata”, ha dichiarato giovedì Sergio Ermotti, amministratore delegato di UBS. “Con la sua strutturale mancanza di redditività, l’insostenibile allocazione di capitale e le prospettive negative di ricavi e costi, la banca non era più in grado di proseguire da sola”

Nei primi sei mesi di quest’anno, 8’000 persone hanno lasciato Credit Suisse o sono state licenziate. A partire dall’anno prossimo la banca si separerà da altri 2’000 collaboratori e collaboratrici e ulteriori 1’000 posti di lavoro, che secondo la dirigenza di UBS rappresentano un doppione, saranno soppressi entro la conclusione della procedura di fusione, prevista per fine 2026.

A dicembre del 2022, le due banche impiegavano complessivamente, in tutto il mondo, oltre 122’000 persone. Al momento dell’acquisizione, a marzo 2023, circa 35’000 persone lavoravano per UBS e Credit Suisse in Svizzera.

Contenuto esterno

L’impatto preciso dei tagli ai posti di lavoro nel settore bancario elvetico non è ancora chiaro. Circa il 10% delle 8’000 persone da cui si è separata Credit Suisse quest’anno erano impiegate in Svizzera, ha indicato giovedì UBS.

Circa la metà dei posti di lavoro è stata persa negli Stati Uniti, dove si trovano le problematiche operazioni di investment banking di Credit Suisse, e in Asia.

“Dietro ogni licenziamento ci sono persone e famiglie”, ha sottolineato giovedì il Governo svizzero. Ma il Consiglio federale si dice fiducioso che il processo sia gestito con sensibilità e con un adeguato sostegno al personale colpito.

Impatto sul settore finanziario

Poiché i tagli sono scaglionati tra lo scorso autunno e la fine del 2026, la Segreteria di Stato per gli Affari Economici ritiene che il mercato del lavoro assorbirà le perdite.

“Storicamente, le persone che escono da UBS e Credit Suisse hanno generalmente ritrovano lavoro entro un anno”, ha dichiarato Sergio Ermotti.

UBS intende anche ridurre il ricorso a collaboratori e collaboratrici esterne. Ad esempio, la banca ha l’obiettivo di aumentare la percentuale di funzioni IT svolte internamente, passando nei prossimi anni dall’attuale 60-65% all’80-85%.

I sindacati sono soddisfatti del fatto che UBS abbia rinviato la prossima tornata di licenziamenti all’anno prossimo e hanno accolto favorevolmente le misure volte ad attenuare il colpo per il personale in uscita.

L’Associazione svizzera degli impiegati di banca ha chiesto la parità di trattamento tra il personale delle due banche.

Secondo la Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali, l’impatto economico della piazza finanziaria svizzera (banche, assicurazioni, gestione patrimoniale e altre filiali) rappresenta circa l’8,9% (69 miliardi di franchi svizzeri, 78,5 miliardi di dollari) del prodotto interno lordo totale. Il dato è in calo rispetto al 12,3% del 2007.

Nel 2012, circa il 5,8% delle persone attive in Svizzera lavorava nel settore finanziario, una percentuale che dieci anni dopo è scesa al 5,2%.

Zurigo, la più grande piazza finanziaria nazionale, contribuisce all’economia locale con oltre 30 miliardi di franchi svizzeri e oltre 97’000 posti di lavoro a tempo pieno.

Traduzione e adattamento di Daniele Mariani



In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR