La televisione svizzera per l’Italia

Svizzero arrestato in Myanmar per un film che insulta il buddismo

Polizia del Myanmar
Il cittadino svizzero è accusato di aver scritto, filmato e montato un film di 75 minuti intitolato "Don't Expect Anything" che ritrare buddisti che si comportano in modo "inappropriato". Keystone / Lynn Bo Bo

Le autorità birmane hanno arrestato l'8 agosto scorso uno svizzero insieme a 13 cittadini del Myanmar, tra cui una bambina di 12 anni, in relazione a un film che ha danneggiato la "moralità e la dignità" della religione buddista.

Insultare il buddismo è un reato punibile in Myanmar, dove il nazionalismo religioso è aumentato negli ultimi anni, come riporta l’Associated Press. Circa il 90% della popolazione dell’ex Birmania è buddista.

Secondo quanto trapelato sui media locali, il 52enne Didier Nusbaumer ha scritto, filmato e montato il film di 75 minuti intitolato Don’t Expect Anything, pubblicato su YouTube il 24 luglio. Brevi spezzoni del film sono stati diffusi sui social media, tra cui TikTok e Facebook, suscitando le proteste dei nazionalisti buddisti del Myanmar.

“Sebbene i protagonisti del film siano buddisti, si sono comportati in modo inappropriato e hanno degradato la dignità e la morale dei monaci attraverso i loro gesti fisici e i loro dialoghi”, si legge sui media.

Le autorità non hanno detto dove sono detenuti Nusbaumer e le altre 13 persone arrestate.

Il Dipartimento federale degli affari esteri ha confermato la notizia e ha indicato che la sua rappresentanza in Myanmar è in contatto con le autorità competenti. 

Il Myanmar è governato da una giunta militare dal febbraio 2021, quando ha destituito il Governo democraticamente eletto di Aung San Suu Kyi.

Altri sviluppi
Ritratto di un uomo

Altri sviluppi

Il cinema birmano, un cinema dove non ci si può nemmeno baciare

Questo contenuto è stato pubblicato al Tra i protagonisti del Locarno Film Festival vi è anche una giovane regista del Myanmar, Maung Sun, giunta nella città ticinese senza la produttrice del suo film, imprigionata dalla giunta militare birmana..

Di più Il cinema birmano, un cinema dove non ci si può nemmeno baciare

Non è il primo caso

Nusbaumer non è il primo straniero a essere detenuto in Myanmar dopo essere stato accusato di aver insultato il buddismo.

Nel marzo 2015, un cittadino neozelandese, arrestato insieme a due cittadini del Myanmar, è stato condannato a due anni e mezzo di lavori forzati, dopo aver pubblicato un annuncio online che mostrava una rappresentazione psichedelica di Buddha che indossava cuffie in stile DJ. È stato espulso l’anno successivo.

Nell’ottobre 2016, un turista olandese è stato imprigionato per tre mesi dopo aver staccato un altoparlante usato dai monaci buddisti per trasmettere un sermone notturno nella seconda città del Paese, Mandalay. È stato espulso dopo aver scontato la pena detentiva.


Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR