Navigation

Giovani svizzeri più sedentari della media

Il problema riguarda di più le ragazze, e la tecnologia contribuisce a rallentare i progressi in questo ambito. Keystone / Christof Schuerpf

Oltre l'85% dei giovani svizzeri non fa abbastanza attività fisica. Lo indica uno studio dell'Organizzazione mondiale della sanità, presentato venerdì a Ginevra, secondo il quale il tasso è in rialzo negli ultimi anni e supera la media mondiale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 novembre 2019 - 13:30
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 22.11.2019)

Le stime dell'OMS paragonano la situazione del 2016 con quella di 15 anni prima. Se ne desume che la quota degli adolescenti svizzeri che non fanno almeno un'ora di attività fisica al giorno, incluso camminare o giocare in movimento, è cresciuta dell'1%.

Un'ora al giorno è la quantità raccomandata dall'organizzazione a ragazze e ragazzi. La quota svizzera è peggiore rispetto alla media (comunque superiore all'80%) dei 146 Paesi che hanno partecipato allo studio.

Differenze di genere

I datiLink esterno, raccolti sondando le abitudini dei giovani tra gli 11 i 17 anni, mostrano che le femmine sono più toccate dal problema rispetto ai maschi: il tasso di inattività in Svizzera supera l'89% tra le ragazze (88 nella rilevazione precedente) ed è circa l'83% tra i ragazzi (a fronte di un 80% nel 2001). 

Al mondo, solo in quattro Paesi sono più sedentari i maschi (Tonga, Samoa, Afghanistan e Zambia) mentre in quasi uno su tre la differenza tra i generi nella quota di adolescenti che non rispetta le raccomandazioni dell'OMS è di oltre 10 punti percentuali.

Contenuto esterno

A livello globale, sono 4 su 5 i giovani che non fanno più di un'ora di attività fisica al giorno, con una quota dell'85% per le ragazze (dato stabile rispetto al 2001) e del 78% per i ragazzi (in miglioramento rispetto al precedente 80%).  

Si è in ogni caso molto lontani dall'obiettivo di riduzione del 15% entro il 2030, osserva la responsabile dello studio presso l'OMS di Ginevra Regina Guthold. 

A rallentare i progressi in questo campo vi è ad esempio l'evoluzione tecnologica, che favorisce la sedentarietà e con essa l'obesità, considerata l'epidemia del nuovo millennio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.