Navigation

Sospese in Svizzera le vendite delle Volkswagen manipolate

La sospensione riguarda solo i veicoli di prima immatricolazione keystone

L'Ufficio federale delle strada è emanato oggi, lunedì, la direttiva - La sospensione riguarda solo i veicoli di prima immatricolazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 ottobre 2015 - 20:47

L'Ufficio federale delle strade (USTRA) ha comunicato oggi, venerdì, che l'arrivo in territorio svizzero di veicoli interessati dallo scandalo Volkswagen sarà sospeso da lunedì 5 ottobre. La sospensione riguarda unicamente i veicoli di prima immatricolazione in Svizzera, infatti quelle già immatricolate potranno continuare a circolare o a essere commercializzate nel mercato dell'usato.

La direttiva, notificata in data odierna ai vari importatori, è stata emanata per motivi di tutela ambientale e resterà in vigore fino a quando non saranno disponibili nuovi elementi.

Il provvedimento, il quale si basa sulla legge federale sulla circolazione stradale secondo cui la licenza di circolazione è rilasciata soltanto se il veicolo è conforme alle prescrizioni, riguarda i modelli EURO 5 dei marchi Audi, Seat, Skoda e Volkswagen, fabbricati tra il 2009 e il 2014 dal gruppo di Wolfsburg ed equipaggiati con motori diesel 1.2 TDI, 1.6 TDI e 2.0 TDI.

ATS/ads

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.