Navigation

Sì al servizio pubblico, non per forza al profitto

Un'iniziativa popolare - si voterà il prossimo 5 giugno - chiede che le aziende controllate dalla Confederazione - Ferrovie, Posta e Swisscom - non debbano per forza fare dei profitti

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 aprile 2016 - 20:15

L'iniziativa popolare "A favore del Servizio pubblico" non rispetta le promesse fatte, anzi il prossimo 5 giugno un "sì" di popolo e cantoni sarebbe addirittura controproducente. È l'opinione di Doris Leuthard, che per conto del governo federale ha lanciato la campagna contro il testo, che in sintesi chiede alle aziende controllate dalla Confederazione - Ferrovie, Posta e Swisscom - di non perseguire dei profitti e di non pagare salari eccessivi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.