Navigation

Rinnovabili, niente rivoluzione in parlamento

Rivisti al ribasso gli obiettivi energetici entro il 2035

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 settembre 2016 - 20:51

Dopo la Camera dei cantoni anche il Consiglio Nazionale ha deciso – con 132 voti contro 57 - di rivedere al ribasso gli obiettivi ambientali fissati dal governo federale dopo l'incidente nucleare di Fukushima.

L'orientamento che si sta affermando nel parlamento, chiamato a definire la strategia energetica 2050, è quello di ridurre la quota di fonti rinnovabili, da 14'500 a 11'500 gigawattora da produrre entro il 2035. Per la maggioranza "borghese", è stato detto in aula, si tratta infatti di essere ragionevoli poiché fissare un limite troppo alto e non raggiungerlo sarebbe controproducente.

Verdi e socialisti hanno invece espresso la loro delusione per il mancato abbandono del nucleare e l'occasione persa di imprimere una svolta in ambito energetico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.