Navigation

Rifugiati, "Siamo al limite"

Peter Gomm, presidente della Conferenza dei direttori cantonali degli affari sociali keystone

La Conferenza dei direttori cantonali degli affari sociali sostiene che la situazione sul fronte dei profughi è "tesa"

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 novembre 2015 - 16:55

Il presidente della Conferenza dei direttori cantonali degli affari sociali, Peter Gomm, ha dichiarato che la situazione dell'afflusso dei rifugiati è "tesa", anche se per il momento si riesce ad affrontare.

"Sono stati raggiunti i limiti di molte strutture" in particolare per quanto riguarda l'alloggio, ha detto il consigliere di Stato solettese in una intervista pubblicata sulla Neue Zürcher Zeitung di oggi, lunedì.

Il consigliere di Stato PS, inoltre, sostiene l'integrazione attraverso il lavoro: "troppi rifugiati riconosciuti e persone accolte provvisoriamente ricevono l'aiuto sociale. Questo deve cambiare e spetta ai cantoni agire". I corsi preparatori e gli stage non bastano. Gomm preferirebbe che fossero i dipendenti di imprese ad occuparsi dell'integrazione professionale. Ha inoltre criticato il fatto che appena una persona viene assunta, il sostegno della Confederazione svanisce.

ATS/px

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.