Navigation

Età pensione: "no" degli Stati

Previdenza: la Camera dei cantoni si oppone all'innalzamento automatico già accolto dal Nazionale

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 dicembre 2016 - 12:56

Gli Stati hanno detto "no" oggi, martedì, ad un innalzamento automatico fino a 67 anni dell'età del pensionamento, nel caso di difficoltà finanziarie per l'Assicurazione vecchiaia e superstiti.

Per la Camera dei cantoni, che ha respinto la proposta in modo tacito, essa rischierebbe di pregiudicare tutto il progetto Previdenza vecchiaia 2020. A favore dell'idea si era espresso invece, lo scorso settembre, il Consiglio nazionale.

In base a tale soluzione, qualora la copertura del fondo AVS dovesse scendere al di sotto dell'80%, il Consiglio federale dovrebbe progressivamente aumentare l'età di riferimento per l'ottenimento delle rendite, fino a raggiungere i 67 anni.

Red.MM/ARi

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.